menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maxi blitz a Rancitelli, il bilancio dell'operazione dei carabinieri

I carabinieri del Comando provinciale si sono occupati di eseguire una serie di controlli e perquisizioni in via Lago di Capestrano negli appartamenti del complesso denominato Treno

Maxi blitz delle forze dell'ordine questa mattina nel rione di Rancitelli a Pescara.
I carabinieri del Comando provinciale si sono occupati di eseguire una serie di controlli e perquisizioni in via Lago di Capestrano negli appartamenti del complesso denominato Treno. 

I militari dell'Arma sono stati impegnati in un controllo straordinario negli alloggi di edilizia popolare dell'Ater dopo l'aggressione alla troupe della Rai.

I carabinieri hanno proceduto al censimento degli occupanti dei 56 appartamenti ubicati in via Lago di Capestrano dal civico numero 11 al civico 23 allo scopo di verificarne l’effettiva assegnazione e contrastare, così, il fenomeno delle occupazioni abusive. Con l’impiego di oltre 50 militari nonché 2 unità cinofile antidroga del Nucleo Cinofili di Chieti, sono state eseguite decine di perquisizioni personali e domiciliari a personegià note alle forze dell'ordine. 

In particolare, quattro di queste sono state denunciate per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti:

  • R.C., 53enne nata a Roma ma residente in Pescara, poiché sorpresa a cedere di grammi 3,75 di sostanza stupefacente del tipo “eroina” a un tossicodipendente della zona;
  • M.F., 21enne residente nella provincia pescarese, con precedente di polizia, poiché sottoposto a perquisizione personale d’iniziativa prima e domiciliare poi, è stato trovato in possesso di 5 grammi di sostanza stupefacente del tipo “marijuana”, 3 bilancini elettronici di precisione, materiale atto al confezionamento dello stupefacente nonché la somma contante di 590 euro ritenuta provento di spaccio;
  • M.P., 50enne pescarese, già noto alle forze dell'ordine, poiché sottoposto a perquisizione domiciliare d’iniziativa è stato trovato in possesso di 10 flaconi da 100 mg di metadone detenuto senza autorizzazione.

Per evasione è stato invece denunciato:

  • C. B., 72enne originario di Bussi sul Tirino ma residente in Pescara, pregiudicato, in atto sottoposto alla misura cautelare della detenzione domiciliare, poiché non trovato in casa nel corso di controllo.

Inoltre sono stati rinvenuti e sottoposti a sequestro a carico di ignoti:

  • 25 grammi di sostanza stupefacente del tipo “marijuana”, già suddivisa in dosi, occultati all’interno del vano ascensore del civico 17;
  • 15 grammi di sostanza stupefacente del tipo “marijuana” e 10 grammi del tipo “cocaina” già suddivisa in dosi, occultati in un cespuglio sul marciapiede di pertinenza del plesso edilizio di cui trattasi;
  • 5 cartucce calibro 7,65 occultate nello scantinato del civico 17.

Sono stati anche sottoposti a controllo oltre 160 persone e 80 veicoli. 

«Il massiccio servizio svolto nella mattinata», fanno sapere dal Comando provinciale, «rientra nella più ampia manovra di prevenzione e contrasto che i Carabinieri della Compagnia di Pescara stanno svolgendo ormai da mesi in tutta la città, segnatamente alle aree più sensibili sotto il profilo dell’ordine e della sicurezza pubblica, aggiungendosi dunque a quelli già svolti nei quartieri di “Fontanelle” e “via Rigopiano”».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento