Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Calcio Scommesse, interrogatori: La Civita non risponde

La pescarese Francesca La Civita, titolare di alcune agenzie di scommesse in Abruzzo e nelle Marche, arrestata nell'ambito dell'inchiesta sul calcio scommesse, non ha risposto alle domande del Gip

La pescarese Francesca La Civita, arrestata lo scorso 1 giugno nell'ambito dell'inchiesta sul calcio scommesse condotta dalla Procura di Cremona, non ha risposto alle domande del Gip.

La trentenne, infatti, si è avvalsa della facoltà di non rispondere davanti al giudice di Ancona. Secondo l'accusa, la donna sarebbe legata a Massimo Erodiani, considerato uno dei capi dell'organizzazione criminale che manipolava i risultati di alcune partite di Serie B e Lega Pro, e Massimo Pirani, medico.

Intanto lo stesso Pirani ieri è stato ascoltato dai magistrati, raccontando la sua versione dei fatti. A quanto pare, sarebbero 30 le partite sospette.

Dopo sette ore di interrogatorio, gli inquirenti hanno raccolto nuove informazioni da Pirani che potrebbero aprire scenari nuovi anche riguardo alcune partite di serie A.

Pirani ha addirittura affermato che le partite pilotate siano state il frutto di accordi non fra i calciatori, ma fra le stesse società.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcio Scommesse, interrogatori: La Civita non risponde

IlPescara è in caricamento