Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca

Calcio, protesta dei tifosi disabili del Pescara: "Posti solo per 25 tifosi"

Clamorosa protesta sabato 4 agosto davanti al Comune di Pescara dove i tifosi disabili del Pescara Calcio protesteranno, arrivando ad incatenarsi anche allo Stadio, per la mancanza di posti dedicati

I tifosi disabili del Pescara non ci stanno ed hanno deciso di scendere in strada, arrivando anche ad incatenarsi davanti allo Stadio, a causa della mancanza di posti dedicati.

"Qualcuno ha deciso che per “gravi problemi legati alla sicurezza”, ad oggi SOLO 25 ragazzi in carrozzina potranno entrare, mentre tutti gli altri, parliamo di quasi un centinaio, dovranno starsene a casa ad ascoltare la partita per radio...e potranno solo sognarla.  Siamo costretti a rammentare che i disabili tifosi in carrozzina pur volendo pagare il biglietto non possono entrare in nessun altro posto dello stadio.
Questo vero e proprio scandalo si era già manifestato in serie B nelle ultime gare di campionato, senza peraltro una spiegazione plausibile visto che tutto l’anno non ci sono stati problemi. Ora però la situazione è diventata insostenibile, anche considerando il numero maggiore di tifosi che grazie alla Serie A si avvicineranno al Pescara.
Anni fa erano state fatte alle istituzioni comunali alcune domande, ovviamente rimaste senza risposta per via della grave inettitudine della classe dirigente. Una di queste riguardava la preparazione del personale addetto al “settore disabili” e se gli addetti in questione fossero stati in grado di dare disposizioni per mettere in salvo le persone gravemente malate.
Ricordiamo che nello Stadio non c’è  nessuna via di fuga ma la cosa diventa ancor più grave in quanto, prima della ristrutturazione, ESISTEVA una rampa che permetteva l’accesso alla pista di atletica MA è stata eliminata a favore delle scale: ottima mossa, geniale veramente!
Ci chiediamo a questo punto, in caso di grave pericolo, chi si occuperà di trasportare 1, 25, o 50 disabili a braccia? Ed in quanto tempo ci riuscirà? Si salveranno tutti o qualcuno sarà condannato a morte certa per via dell’incapacità dei responsabili alla sicurezza? DENUNCIAMO A VOCE ALTA QUESTA RIDICOLA FACCENDA E VOGLIAMO ASSOLUTAMENTE UNA RISPOSTA A STRETTISSIMO GIRO, NON E’ PIU’ ACCETTABILE QUESTA SITUAZIONE!!! Non si gioca con la vita delle persone, mai!!!
1) Non è mai stata fatta nessuna esercitazione per l’evacuazione del settore disabili;
2) non ci sono cartelli informativi con indicazioni precise verso luoghi di raccolta sicuri;
3) non esiste un ingresso separato.
Se in sede di ristrutturazione, i responsabili dei lavori o i supervisori pagati per questo, avessero applicato o fatto applicare la normativa vigente che prevede la messa in sicurezza totale delle strutture pubbliche, il problema oggi non ci sarebbe!!!
Questo stadio è fuori legge! Ricordiamo che il numero dei posti riservati alle persone con ridotta capacità motoria dovevano essere PER LEGGE BEN 100 su 20.000 spettatori perciò possiamo affermare che non sono state rispettate le norme che prevedono la proporzione tra spettatori e persone con disabilità.
Rammentiamo che inizialmente il “problema dei tifosi disabili” era stato risolto collocando nella zona dei distinti tutte le persone in carrozzina che risultavano essere in eccedenza rispetto il ridicolo numero stabilito per il settore esistente! Soluzione? NO SCEMPIO!
In quel periodo abbiamo assistito ad uno spettacolo vergognoso: i ragazzi con disabilità portati a spalla sulle seggioline collocate più in alto per poter vedere la partita dagli steward, una vera e propria coltellata al cuore della dignità umana!!!
Le istituzioni, hanno in questo modo scatenato una vera e propria “guerra tra poveri”, ovvero la corsa al posto nel settore disabili con soli 25 posti!  Noi non ci stiamo e non consentiremo mai a nessuno di giocare sulla nostra dignità di esseri umani!!! Vogliamo certezze e risposte serie, non promesse e rinvii a date da destinarsi. ORA BASTA!
Per tutta questa serie di ragioni abbiamo organizzato per Sabato 4 agosto alle ore 10,30 davanti all’ingresso del Comune di Pescara, in Piazza Italia, la conferenza stampa del “Comitato dei tifosi disabili del Pescara”.
Prossima tappa: incatenemanto dei tifosi disabili allo stadio adriatico. Tutto verrà spiegato nella conferenza stampa.
Coglieremo l’occasione per denunciare pubblicamente la grave ingiustizia che investe il mondo della disabilità: partecipate numerosi con sciarpe e bandiere del Pescara perché è una battaglia di diritti e di civiltà la nostra ma anche di fede calcistica!!! IL PESCARA E’ DI TUTTI QUELLI CHE LO AMANO, ANCHE DEI TIFOSI CON DISABILITA’.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcio, protesta dei tifosi disabili del Pescara: "Posti solo per 25 tifosi"

IlPescara è in caricamento