menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bussi, un caso di stalking: la vittima stavolta è un uomo

Ancora casi di stalking nella Val Pescara: dopo le due denuncie di altrettante donne a Popoli e Tocco, questa volta la vittima è un uomo di 30 anni di Bussi. A perseguitarlo una ragazza che lo ha minacciato e molestato

Se il Codice Penale non prevede distinzioni di sesso, di certo in pochi avranno pensato, all'indomani della nascita del reato di stalking , che le vittime sarebbero potute essere di sesso maschile.

A Bussi invece la vittima, stavolta, è un uomo. Si tratta di un 30enne che è stato per mesi molestato, minacciato e perseguitato da una ragazza di 19 anni del paese, che, dopo aver capito che non ci sarebbe stato nulla con lui, è passata alle maniere forti, decisamente moleste.

Prima ha tentato di farsi notare, senza grande successo, sperando in un approccio amoroso, ma poi, quando ha capito che l'uomo non era assolutamente interessato a lei, ha perso letteralmente la testa.

Prima le continue telefonate sul cellulare, poi i pedinamenti, gli sms ogni giorno sempre più forti e minacciosi, poi le telefonate a qualsiasi ora a casa dell'uomo, che hanno ovviamente disturbato la vita quotidiana dei suoi familiari.

Ma anche gesti eclatanti, come il danneggiamento volontario della sua auto. A questo punto, esasperato dalla situazione, l'uomo si è rivolto ai Carabinieri di Popoli che hanno raccolto la denuncia e notificato l'atto alla ragazza, la quale, per disposizione del giudice, non potrà frequentare gli stessi luoghi della vittima.

Un altra molestia, e le porte del carcere si apriranno senza ulteriori avvertimenti.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento