menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bimbo investito da un treno: si torna in aula il 10 ottobre

Francesco Pio Spinelli è morto il 24 maggio 2014 dopo essere stato investito da un regionale in prossimità della stazione San Marco. La madre è accusata di abbandono di minori, mentre il padre e il nonno sono accusati di concorso in omicidio colposo

L'esame della madre di Francesco Pio Spinelli, il bimbo di tre anni morto il 24 maggio 2014 dopo essere stato investito da un treno regionale in prossimita' della stazione San Marco, a Pescara, ha caratterizzato l'udienza davanti alla Corte d'Assise di Chieti. La donna, Loreta De Rosa, e' accusata di abbandono di minori, mentre il padre Virgilio Spinelli e il nonno Cristoforo Spinelli, proprietario della casa dove vive la famiglia, sono accusati di concorso in omicidio colposo.

I tre sono difesi dall'avvocato Luca Sarodi, coadiuvato da Antonio Massa nella ricerca e analisi normativa e giurisprudenziale del caso. Nello specifico, secondo l'accusa, la madre avrebbe dovuto porre attenzione ed evitare che i bimbi potessero allontanarsi indisturbati. Il padre e il nonno sono sotto accusa in relazione alla custodia dei beni e, in particolare, per quel buco, coperto da un vecchio frigorifero, presente nella rimessa della casa da cui sarebbe passato Francesco.

La madre della piccola vittima ha raccontato la sua versione dei fatti affermando di essersi allontanata solo qualche minuto per controllare il bimbo di 5 mesi che aveva la febbre. La donna ha poi riferito che Francesco non e' rimasto solo, in quanto nel piazzale davanti casa c'erano circa venti persone.

Tra i testimoni anche una parente degli imputati, che ha sostenuto che quel giorno il padre del bimbo non fosse in casa, ma si trovasse a San Silvestro.

Il pm Andrea Papalia ha poi modificato il capo di imputazione relativo al reato di omicidio colposo, che non e' piu' integrato dalla norma secondo la quale "nei casi di nuovi insediamenti abitativi o industriali adiacenti alle ferrovie e' fatto obbligo ai proprietari di provvedere, ai fini della sicurezza pubblica e dell'esercizio ferroviario, alla preventiva idonea recinzione dei terreni stessi in prossimita' della sede ferroviaria".

Si torna in aula il prossimo 10 ottobre. In quell'occasione e' prevista la discussione delle parti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento