rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Cronaca

Bando per servizio di soccorso, associazioni di volontariato ne chiedono la sospensione

L’avviso pubblico indetto dalla Asl di Pescara per l’affidamento in convenzione del servizio di soccorso in emergenza 118 e senza emergenza, che scadrà il prossimo 10 maggio, non piace a 12 organizzazioni di volontariato

L’avviso pubblico indetto dalla Asl di Pescara per l’affidamento in convenzione del servizio di soccorso, in emergenza 118 e senza emergenza, non piace alle associazioni di volontariato, che oggi in conferenza stampa hanno espresso le proprie perplessità al riguardo.

“L'avviso va revocato o quanto meno sospeso per consentire l’apertura di un tavolo di confronto con tutte le organizzazioni che operano da decenni nel settore e rivedere in maniera congiunta i punti critici del bando. A partire dalle tariffe dei rimborsi riconosciuti alle Associazioni, tariffe non solo mai adeguate dal 2010, ma addirittura drasticamente ridotte nel nuovo avviso, mortificando non solo il valore e la rilevanza dell’attività svolta dalle stesse Associazioni, ma anche mettendo in difficoltà le Organizzazioni nel garantire un corretto equilibrio tra costi sostenuti e rimborsi. Inaccettabile anche la scelta di assegnazione del servizio con il metodo dell’estrazione a sorte nel caso di più domande per la stessa postazione, uno strumento che, chiaramente, non consente di riconoscere adeguata priorità alle Associazioni che hanno dato prova di professionalità, operatività effettiva, esperienza e affidabilità. La richiesta di stop al bando è già stata inoltrata in un documento ufficiale e ora restiamo in attesa di un’apertura al colloquio da parte della Direzione della Asl”.

Così i presidenti delle associazioni che hanno sottoscritto e presentato le Osservazioni all’avviso pubblico, ossia la Misericordia di Pescara, la Croce Rossa di Pescara, di Penne, Spoltore e Cepagatti, di Bussi Soccorso, della Misericordia di Scafa e di Alanno, Manoppello Soccorso, il Corpo Protezione Civile Montesilvano Onlus, Asso Onlus e Croce Verde Onlus. Presente alla conferenza stampa anche Fiorella Cesaroni, Presidente del Tribunale per il Malato.

“Oggi ci siamo riunite 12 associazioni di volontariato che svolgono quotidianamente il servizio di soccorso in emergenza o meno su tutto il bacino di Pescara e provincia - ha affermato il Presidente della Croce Rossa di Pescara Fabio Nieddu - Dopo la pubblicazione dell’ultimo avviso della Asl per l’affidamento del servizio stesso, rischiamo tutti di dover chiudere le nostre attività e il 118 stesso. Il prossimo 10 maggio scadrà il termine ultimo per presentare la propria manifestazione d’interesse al bando, ma noi auspichiamo che la Asl di Pescara ci convochi subito per l’apertura di un Tavolo di confronto per individuare una soluzione unitaria della problematica”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bando per servizio di soccorso, associazioni di volontariato ne chiedono la sospensione

IlPescara è in caricamento