menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sgominata banda specializzata nel furto di mezzi d'opera, aveva agito anche a Pescara

La Procura di Matera ha indagato 5 uomini di Foggia ritenuti responsabili di vari furti ai danni di imprese edili

Furto aggravato in concorso e ricettazione.
Questi i due reati dei quali dovranno rispondere 5 uomini di Foggia, di età compresa tra i 27 e i 41 anni che sono indagati dalla Procura di Matera.

Come riferisce l'Adnkronos, a condurre l'indagine è stata la squadra mobile.

I 5 sono ritenuti responsabili di furti di mezzi d'opera avvenuti in Basilicata e in Abruzzo. Avrebbero rubato diversi camion, pale meccaniche, escavatori, nonché di altri macchinari e attrezzature, perpetrati nel 2019 ai danni di cantieri edili e cave, nelle province di Matera e Pescara. Tra i furti contestati, due sono stati commessi a Matera, uno a Scanzano Jonico e uno nella nostra città, tra maggio e giugno del 2019. Gli agenti della polizia di Stato hanno notificato ai 5 l'avviso di conclusione indagini preliminari e contestuale informazione di garanzia per furto aggravato in concorso e ricettazione. La modalità operativa della banda, composta dagli indagati e da altri complici rimasti al momento ignoti, era sempre lo stesso. Un gruppo, a composizione modulare, si spostava da Foggia per effettuare mirati furti di mezzi d'opera e di movimento terra.

La fase esecutiva era preceduta da sopralluoghi effettuati in zona da alcuni dei componenti del gruppo, che utilizzava autovetture appositamente noleggiate per gli spostamenti. Gli indagati erano altamente specializzati nell'attività criminale e particolarmente abili. Attraverso un'organizzazione complessa e ben studiata riuscivano in brevissimo tempo a mettere in moto i mezzi da portare via e a farli sparire, operazione tutt'altro che semplice. Fondamentale per l'individuazione dei cinque indagati è stato l'esame delle telecamere del sistema di videosorveglianza cittadino e di impianti privati insieme ai riscontri ottenuti dai controlli su strada. Inoltre sono state effettuate accurate analisi dei traffici telefonici e telematici. La banda risulta collegata a circuiti di riciclaggio internazionali. Infatti, grazie anche alla collaborazione dell'Interpol, alcuni dei mezzi trafugati sono stati ritrovati in Polonia e in Ungheria e sequestrati. Nel corso delle indagini un autocarro Iveco rubato a Matera è stato intercettato sull'autostrada adriatica A14 da personale della polizia stradale di Pescara mentre veniva utilizzato per trasportare due mini escavatori appena rubati a Pescara. Una parte dei mezzi trafugati è stata recuperata e restituita ai legittimi proprietari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento