Cronaca

Bambina morta Outlet Città Sant'Angelo Village: un indagato

A 24 ore dalla tragica morte della bimba di 5 anni di origini russe avvenuta al Città Sant'Angelo Village, causata dalla caduta di una statua, proseguono le indagini della Procura. Spunta il primo indagato

A 24 ore dalla tragica morte della bimba di 5 anni di origini russe avvenuta al Città Sant'Angelo Village, causata dalla caduta di una statua, proseguono le indagini della Procura.

I Carabinieri di Montesilvano hanno consegnato la propria relazione assieme alla perizia medico legale, ed ora la Procura proseguirà le indagini valutando anche la possibilità di eseguire l'autopsia sul corpo della piccola, considerando che il consolato di Francia già si sta attivando per il trasferimento oltralpe, come richiesto dai genitori.

Sul fronte delle indagini, le immagini delle telecamere a circuito chiuso per ora non sono state d'aiuto, in quanto avrebbero ripreso chiaramente solo i momenti successivi alla tragedia, quando la bimba è stata soccorsa dai presenti. I video verranno comunque analizzati anche da un perito.

Sono stati ascoltati alcuni testimoni ed i responsabili della sicurezza del centro commerciale. Ascoltati anche i titolari delle ditte che hanno eseguito dei lavori nell'Outlet.

La tesi più verosimile, infatti, è che la statua non fosse stata fissata in modo sicuro.

Il fascicolo è stato aperto per omicidio colposo, ed è stato iscritto nel registro degli indagati il capo della sicurezza del centro commerciale. Sequestrate anche alcune statue.

CITTA' SANT'ANGELO VILLAGE: BIMBA DI 5 ANNI MUORE TRAVOLTA DA UNA STATUA

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bambina morta Outlet Città Sant'Angelo Village: un indagato

IlPescara è in caricamento