rotate-mobile
Cronaca Cepagatti

Minacciano e perseguitano le ex, uno nasconde anche un gps nella sua auto per seguirla: ammoniti dalla questura

Due vicende simili e la stessa misura per i presunti responsabili di atti persecutori nei confronti delle ex compagne. Sarebbero stati coinvolti anche dei minori nei loro comportamenti

Ammoniti dalla questura su istanza della divisione Anticirimine, due uomini che avrebbero attuato atti persecutori nei confronti delle ex. Il primo è stato emesso d'urgenza il 29 novembre. L'uomo, al termine di una convivenza durata alcuni anni, si sarebbe presentato più volte sul luogo di lavoro della ex compagna e anche nel luogo dove il figlio pratica attività sportiva e dove ad accompagnarlo è proprio la donna, ingiuriandola e minacciandola. La vittima sarebbe dunque stata costretta a richiedere l'intervento delle forze dell'ordine dato che l'ex compagno si sarebbe anche più volte recato sotto casa sua suonando insistentemente al citofono e minacciandola verbalmente.

Simile l'episodio che ha portato all'emissione, il giorno successivo e cioè giovedì 30 novembre, di un altro ammonimento. Anche in questo caso, al termine di una breve relazione senza convivenza, l'ex si sarebbe in più occasioni recato a casa della vittima ingiuriandola e minacciandola, e nascondendo anche un gps nella sua auto per sapere sempre dove fosse. In particolare in un'occasione in cui la donna si sarebbe trovata nei pressi dell'abitazione di un suo ex compagno per questioni riguardanti la gestione del figlio minore, l'ammonito che probabilmente l'aveva pedinata, si è avvicinato minacciando sia lei che l'altro uomo davanti al ragazzo.

Altro episodio segnalato quello per cui si sarebbe recato sotto casa della vittima che era in casa con il figlio, suonando insistentemente al citofono e nonostante il minore si fosse particolarmente allarmato, avrebbe continuato nella sua attività vessatoria. Diverse le occasioni in cui ha chiamato le forze dell'ordine che hanno rinvenuto nel bagagliaio della sua auto il gps che avrebbe messo lì proprio l'ex per monitorare i suoi spostamenti.

Ai due ammonimenti se ne aggiunge un terzo, emesso sempre nei confronti di un uomo che avrebbe perseguitato la ex e i suoi familiari, alla fine tradottosi in arresto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minacciano e perseguitano le ex, uno nasconde anche un gps nella sua auto per seguirla: ammoniti dalla questura

IlPescara è in caricamento