menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Assolto Alessio Feniello per aver portato fiori nell'area dell'hotel Rigopiano sotto sequestro

Il padre di Stefano, morto nel crollo dell'albergo, si era recato sul posto per lasciare dei fiori ed era stato denunciato e sanzionato

Alessio Feniello è stato assolto dal tribunale di Pescara in riferimento all'episodio che gli era costato una denuncia e una sanzione pecuniaria per aver violato un'area sotto sequestro nella zona dell'hotel Rigopiano. Feniello, padre di Stefano morto nel crollo della struttura avvenuto a gennaio 2017, era salito a Rigopiano per lasciare dei fiori nell'area del crollo che però era sotto sequestro.

Per questo era stato sanzionato con una multa di 4550 euro ed era stato denunciato. Il giudice Valente ha riconosciuto anche per lui la tenuità del fatto e, quindi, la non punibilità di un gesto che, in effetti, non può essere considerato offensivo. Il legale di Feniello, come riporta l'Ansa, ha spiegato che l'uomo assieme alla moglie in quel posto dopo che un mese prima in occasione della Pasquetta, diverse persone erano entrate nell'area per fare picnic, partite di calcio, foto ricordo e addirittura per asportare macerie come souvenir.

Per la famiglia Feniello era stata una profanazione di un luogo sacro, e per questo avevano portato dei fiori ma erano stati bloccati dai carabinieri dopo una discussione riuscendo ad entrare con immediata segnalazione alla procura che aveva deciso di archiviare solo la posizione della moglie. La procura di Pescara aveva chiesto 3 mesi di condanna.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zone rosse in Abruzzo, chi entra e chi esce

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento