Cronaca

Asl Pescara Nord: apparecchio diagnostico da 167 mila euro acquistato ma mai utilizzato

A denunciare l'ennesimo caso di spreco di denaro pubblico il consigliere regionale del M5S Pettinari, che parla di un teledariografo mai utilizzato ed ora non funzionantee senza garanzia

Ennesimo caso di spreco di denaro pubblico nella sanità? A parlare è il consigliere regionale del M5S Pettinari, che denuncia la presenza nella Asl di Pescara Nord, di un teleradiografo da 167 mila euro abbandonato e mai utilizzato, e soprattutto non utilizzabile se non con un'ulteriore spesa di 72 mila euro essendo in garanzia.

Pettinari annuncia eposti ed aggiunge: " Nel 2015 si cerca di azionarlo per la prima volta e si scopre che il Detettore non è funzionante; per ripararlo servono altri 72,054 euro, ma la garanzia è scaduta dopo i due anni di abbandono. Oggi 2017, a 4 anni dall’acquisto, il Teleradiografo giace abbandonato. Segnaleremo ai NAS questa vicenda per capire se c’è un danno erariale per le casse pubbliche. Gli sprechi che in questi anni si sono verificati rappresentano una palese mala gestio dei soldi dei contribuenti. I servizi diminuiscono, i presidi sono intasati con ore di attesa e quando si dispone di un macchinario che potrebbe smaltire code e aumentare i servizi si lascia giacere nelle stanze, senza neanche l’accortezza di metterlo in funzione prima della scadenza della garanzia. Questo stato di cose in qualunque altro paese europeo sembrerebbe una barzelletta, da noi è una triste realtà. "

RINNOVO TICKET, CAOS ALLA ASL

Pettinari poi attacca la Giunta Regionale che sta effettuando chiusure di presidi ospedalieri centrali a favore dei distretti locali. "Sono proprio queste le strutture sul territorio che dovrebbero supportare i presidi ospedalieri fornendo i servizi per cui di fatto non serve il ricovero. Se queste strutture non funzionano il cittadino che deve fare una radiografia, per esempio, andrà ad intasare l’Ospedale rendendo più lento il servizio sia per i ricoverati che per i “giornalieri”. Non curare questi presidi territoriali vuol dire che l’alternativa per il paziente sembrerebbe inevitabilmente quella di dirigersi verso le strutture convenzionate private. Il diritto alla salute è imprescindibile, ed invece ci troviamo in situazioni che versano sempre più nel degrado e nel non rispetto dei pazienti."

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Asl Pescara Nord: apparecchio diagnostico da 167 mila euro acquistato ma mai utilizzato

IlPescara è in caricamento