Ricercato resta senza benzina in autostrada con la moto, sorpreso e arrestato dalla polizia

Gli agenti, diretti dal vice questore Pietro Primi e coordinati dall'ispettore superiore Vinicio Leoni, hanno sorpreso il ricercato dopo che lo stesso era rimasto senza benzina nella moto poco prima del casello di Pescara Nord/Città Sant'Angelo

Un uomo ricercato è stato tratto in arresto la notte scorsa dalla polizia stradale di Pescara Nord lungo l'autostrada A14.
Gli agenti, diretti dal vice questore Pietro Primi e coordinati dall'ispettore superiore Vinicio Leoni, hanno sorpreso il ricercato dopo che lo stesso era rimasto senza benzina nella moto di grossa cilindrata poco prima del casello di Pescara Nord/Città Sant'Angelo.

I poliziotti, nel corso di un servizio di pattugliamento, hanno soccorso il motociclista scoprendo come lo stesso fosse ricercato.

Infatti R.K., 32 anni di nazionalità macedone, è risultato destinatario di un provvedimento di pene concorrenti dovendo espiare anni 2, mesi 1 e giorni 25 di reclusione e multa da 10mila euro emesso dalla Procura della Repubblica del tribunale ordinario di Bolzano, per i reati di spaccio di sostanze stupefacenti e atti persecutori commessi nei confronti della ex moglie quando dimorava all’Aquila. Il 32enne così è stato arrestato e accompagnato nel carcere di Pescara oltre a essere denunciato a piede libero per false attestazioni sulla identità personale.

Durante il controllo infatti i componenti della pattuglia è apparso strano il comportamento del macedone che ha dimostrato una calma insolita durante il controllo, in considerazione anche, che lo stesso non aveva alcun documento con sé. E ulteriori accertamenti nel Gabinetto provinciale di polizia scientifica evidenziavano diversi precedenti a suo carico e che lo stesso in realtà era persona diversa da quella che aveva dichiarato ai componenti della pattuglia nel tentativo, risultato vano, di sfuggire all’arresto. Il 32enne era ricercato dalle forze dell’ordine da diversi anni e su di lui gravavano ulteriori provvedimenti. Tra di essi, in particolare, una ulteriore condanna, con pena sospesa di 8 mesi emesso dal tribunale dell'Aquila per spaccio di sostanze stupefacenti e la notifica della revoca del permesso di soggiorno da parte della Questura di Bolzano. La moto, risultata essere intestata a persona diversa, era sprovvista della relativa copertura assicurativa ed è stata posta sotto sequestro. Sono in corso ulteriori accertamenti sulla provenienza della stessa. A carico del suo trasportato, un cittadino albanese, H.O classe 2000, non si sono rilevate pendenze penali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, l'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Marsilio annuncia: "Proroga di una settimana della zona rossa per l’Abruzzo"

  • Cosa mangiare per rafforzare le difese immunitarie: 6 alimenti per fare il pieno di energia

  • L'Abruzzo resterebbe zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto, ma Marsilio punta ad anticipare

  • Carenza di vitamina D: 10 alimenti per integrarla e rafforzare il sistema immunitario

  • L'Abruzzo rimane zona rossa, tutte le regioni restano nell'attuale fascia di appartenenza

Torna su
IlPescara è in caricamento