Rapinarono 4 giovanissimi in pieno centro a Pescara, arrestati due ragazzi

A essere arrestati sono stati un 18enne pescarese e un 23enne di nazionalità rumena, già noto alle forze dell'ordine e residente nel capoluogo adriatico

La polizia ha tratto in arresto i due autori della rapina commessa a Pescara la notte del 12 maggio scorso quando quattro ragazzi vennero aggrediti nei pressi dell'hotel Vittoria in via Piave.
A essere arrestati sono stati un 18enne pescarese, S.D.A., e un 23enne di nazionalità rumena, V.S., residente da tempo nel capoluogo adriatico. 

Entrambi erano però già rinchiusi in carcere per un episodio analogo ma ora la loro posizione si aggrava.

Questa la ricostruzione di quanto è avvenuto quella notte di maggio intorno alle ore 2: i 4 giovanissimi vennero avvicinati da due malintenzionati, uno dei quali, repentinamente, sottrattasse a uno dei ragazzi lo smartphone, sfilandoglielo dalle mani e pretendendo 20 euro in cambio della restituzione. Non avendo però ottenuto il denaro richiesto, che la giovane vittima non aveva al seguito, avevano rivolto le proprie “attenzioni” su un altro dei quattro amici, bloccandolo per le braccia e sottraendogli 45 euro che il malcapitato custodiva nel portafoglio; solo a quel punto avevano restituito al legittimo proprietario lo smartphone precedentemente sottratto. In tale contesto, evidentemente non paghi, avevano frugato anche le tasche degli altri due giovani, ai quali intimavano di consegnare il denaro posseduto, appropriandosi nella circostanza della somma di 15 euro che uno di loro aveva nel portamonete.

Le indagini vennero avviate immediatamente dalla Squadra Mobile di Pescara, che ha potuto contare sulla piena collaborazione delle giovani vittime, hanno consentito di individuare i due autori, S.D.A., entrambi noti alle forze dell’ordine.

Nei confronti dei due rapinatori il Gip del tribunale di Pescara, Nicola Colantonio, su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica Andrea Di Giovanni, ha disposto la misura cautelare degli arresti domiciliari per concorso nei reati di furto con strappo, tentata estorsione, tentata rapina, estorsione e rapina, con l’aggravante, per ciascuno dei fatti contestati, dell’esser stato commesso da più persone riunite.

L’ordinanza in questione è stata eseguita ieri dalla Squadra Mobile, che dopo aver rintracciato S.D.A., lo ha posto agli arresti nella sua abitazione. A S.V., invece, il provvedimento è stato notificato in carcere, dove si trova detenuto in virtù di misura cautelare eseguita, sempre dalla Squadra Mobile, lo scorso 9 luglio per un’altra rapina, commessa il 2 giugno scorso, in via Regina Margherita, in danno di due minorenni. 
Il che sembra confermare l’ipotesi avanzata dalla polizia, che invita a vincere qualsivoglia paura o resistenza e a denunciare i fatti, circa l’esistenza di un gruppo, composto da 4 o 5 elementi, che negli ultimi tempi ha imperversato a Pescara, prendendo di mira, con violenze e soprusi di vario genere, soprattutto ragazzi giovanissimi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pescara, brutto incidente tra auto e moto sulla riviera nord [FOTO]

  • Rissa a colpi di bottiglie in un bar di viale Europa

  • Pescara, completamente ubriaca tampona un'altra auto e si dà alla fuga: beccata dalla polizia

  • Incidente stradale a Caprara, nuovo schianto sulla Provinciale 23 [FOTO]

  • Confiscato a Montesilvano un appartamento di lusso [FOTO]

  • La onlus "Family Life" scrive al Vaticano, Papa Francesco risponde

Torna su
IlPescara è in caricamento