Aggredisce la madre per avere soldi, e in casa nascondeva una piantagione di marijuana: arrestato

Gli agenti erano intervenuti per una violenta lite con la madre, scoprendo poi le piante di marijuana coltivate in casa

Un 33enne di Pescara è stato arrestato ieri con l'accusa di maltrattamenti in famiglia, tentata estorsione, coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. Gli agenti erano intervenuti a seguito della segnalazione di una violenta lite fra l'arrestato e la madre, che si era chiusa in casa per paura della furia del figlio. I poliziotti hanno sorpreso e bloccato l'uomo nell'androne del palazzo in evidente stato d'agitazione.

La donna ha raccontato agli agenti che il figlio aveva preteso del denaro e, al suo rifiuto, l’aveva minacciata di morte tanto da indurla a rifugiarsi nella camera da letto con l’altro figlio invalido. Il 33enne ha cercato di entrare nella stanza prendendo a calci la porta e continuando a sferrare violenti colpi pur sapendo che la madre aveva chiamato la polizia. Da tempo l'uomo, con problemi di dipendenza dagli stupefacenti, minacciava la madre tanto da indurre la donna a chiedere la misura dell'ammonimento e registrando diverse liti tramite il telefonino che poi è stato fornito alla polizia.

Nell'appartamento, gli agenti hanno avvertito un forte odore di marijuana scoprendo in camera da letto dell'uomo una piccola serra artigianale con lampade, sistema di ventilazione e fertilizzanti sequestrando 3 flaconi di fertilizzante; 8 piante di marijuana alte circa
30/35 cm di cui 5 in avanzato stato di fioritura e un bilancino di precisione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza scomparsa da Montesilvano, l'appello per ritrovarla [FOTO]

  • L'annuncio del presidente Marsilio: "L'Abruzzo torna in zona arancione"

  • Coniugi di Rosciano in quarantena per il Covid escono per fare acquisti: fermati a Nocciano, scatta la denuncia

  • Saturimetro: cos’è, come si usa e perché, proprio ora, è fondamentale

  • Nel nuovo dpcm per il Covid arriva la zona bianca: per l'Abruzzo serviranno meno di 650 contagi a settimana

  • Marta Citriniti, studentessa del liceo Galilei di Pescara, nella nazionale italiana di dibattito regolamentato (Debate)

Torna su
IlPescara è in caricamento