rotate-mobile
Cronaca

Arresto assessore De Fanis: Mascia, "Pescara non c'entra"

Il sindaco del capoluogo adriatico, Luigi Albore Mascia, invita a "non associare la vicenda alla nostra città; a noi niente soldi dalla Regione, nonostante le sollecitazioni"

''Mi dispiacerebbe se inopportunamente la vicenda fosse associata a Pescara che, per le celebrazioni dei 150 anni dalla nascita di D'Annunzio, non ha ricevuto alcun finanziamento regionale, nonostante le sollecitazioni''.

Così il sindaco di Pescara, Luigi Albore Mascia, commenta l'arresto dell'assessore regionale alla cultura, Luigi De Fanis, per reati commessi nell'ambito di alcune iniziative promosse per le celebrazioni per il Vate.

Il primo cittadino, che dice di non conoscere ''ancora i dettagli della vicenda giudiziaria'', nell'ultimo anno, assieme all'amministrazione comunale, ha organizzato, seppur ''con risorse esigue'', numerose manifestazioni e iniziative per i 150 di D'Annunzio.

''Abbiamo celebrato l'anniversario con poche risorse, ma mai sottotono - sottolinea Mascia - riuscendo a far parlare di noi anche in nazionale''.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arresto assessore De Fanis: Mascia, "Pescara non c'entra"

IlPescara è in caricamento