Cronaca

Riconoscono la loro bici rubata ma il ladro pretende soldi per la restituzione nonostante l'arrivo della polizia, arrestato

Il giovane, A.A.A. 25enne del Camerun, è stato arrestato in corso Vittorio Emanuele II dopo che due 2 giovani fratelli di Montesilvano avevano chiesto aiuto al 113

Un ragazzo è stato tratto in arresto in flagranza di reato a Pescara ieri sera, venerdì 6 dicembre dalla polizia di Stato per estorsione.
Il giovane, A.A.A. 25enne del Camerun, è stato arrestato in corso Vittorio Emanuele II dopo che due 2 giovani fratelli di Montesilvano avevano chiesto aiuto al 113.

I 2 fratelli hanno riferito di aver visto poco prima un uomo a bordo della loro biciclietta, riconosciuta senza alcun dubbio e rubata a Montesilvano lo scorso 30 novembre.

Il soggetto in possesso della bicicletta, poi identificato per A.A.A., 25enne del Camerun, già noto alle forze dell'ordine con precedenti in materia di reati contro la persona, violenza sessuale e armi, ha minacciato i ragazzi, anche in presenza degli agenti della Squadra Volante, pretendendo dei soldi allo scopo di restituire loro la bici. Per questa ragione, i poliziotti lo hanno bloccato prima che potesse allontanarsi e arrestato in flagranza del reato di estorsione, ponendolo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Nella mattinata odierna previsl udienza di convalida.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riconoscono la loro bici rubata ma il ladro pretende soldi per la restituzione nonostante l'arrivo della polizia, arrestato

IlPescara è in caricamento