rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cronaca

Arresto De Fanis, le indagini proseguono fra contratti sessuali e accuse di tentato omicidio

Proseguono le indagini riguardanti l'inchiesta sulle presunte tangenti all'assessorato regionale alla cultura, che hanno portato all'arresto dell'ex assessore De Fanis e della sua segretaria Lucia Zingariello

Vanno avanti le indagini della magistrature in merito alle presunte tangenti all'assessorato regionale alla cultura, che hanno portato nel mese di novembre all'arresto dell'assessore De Fanis e della sua segretaria Lucia Zingariello. L'accusa, lo ricordiamo, è di aver ricevuto cospicue somme di denaro in cambio dell'assegnazione di fondi regionali destinati ad eventi culturali.

L'operazione "Vate", condotta dal Corpo Forestale dello Stato e dalla Procura di Pescara, è partita dopo la denuncia di un imprenditore vittima di questo sistema messo su da De Fanis. Ma l'inchiesta ha riguardato anche presunte spese pazze da parte dell'ex assessore pagate con la carta di credito della Regione. Un'inchiesta che poi ha rivelato anche retroscena della vita personale degli arrestati, con una relazione nata fra De Fanis e la Zingariello, che legava i due addirittura con un presunto contratto scritto di natura sessuale.

Repubblica, infatti, aveva già anticipato qualche settimana fa di questo presunto accordo sessuale con tanto di bigliettino rinvenuto durante le perquisizioni. I legali di Lucia Zingariello però avevano prontamente smentito questa notizia, parlando di voci completamente infondate. Anche la Procura aveva smentito la notizia, ma ora sempre Repubblica ha pubblicato un nuovo articolo in cui si parla nuovamente del presunto contratto, di nove righe: "Io sottoscritto Gigi de Fanis...nuovo accordo per novembre...do 3mila euro... per amore con regalo". Più: "Cena con riconsiderazione della nostra situazione"“.

Ma l'inchiesta giudiziaria si è allargata anche su un altro, inquietante fronte. Sempre in base alle rivelazioni della segretaria Zingariello, De Fanis avrebbe addirittura meditato di uccidere la moglie avvelenandola. Secca la smentita dei legali dell'ex assessore, che fin dall'inizio hanno parlato di storie fantasiose inventate dalla donna. La stessa moglie di De Fanis ha detto di sentirsi tranquilla ed anzi di volere al più presto un pò di pace per sè e per il marito.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arresto De Fanis, le indagini proseguono fra contratti sessuali e accuse di tentato omicidio

IlPescara è in caricamento