rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Cronaca

Tre persone arrestate e un'agenzia di scommesse sequestrata, il denaro della droga "ripulito" con le giocate

Tredici indagati totali e obbligo di dimora per due persone al termine di un'indagine relativa a spaccio di sostanze stupefacenti ed esercizio abusivo di attività finanziaria

Cinque ordinanze di custodia cautelare di cui tre in carcere (una in provincia di Ravenna) e due di sottoposizione all'obbligo di dimora eseguite all'alba di oggi, venerdì 17 dicembre. Per il Fisco erano cittadini nullatenenti.
Questi i principali esiti dell'operazione Master Cleaner del Comando provinciale dei carabinieri di Pescara.

I provvedimenti sono stati emessi dal Gip di Pescara, De Rensis su richiesta del sostituto procuratore della Repubblica, Andrea Papalia.

Le indagini, portate avanti dai militari del nucleo operativo e radiomobile della locale Compagnia sono andate avanti per circa un anno e hanno consentito di individuare tredici indagati complessivi per i reati di per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti (cocaina in particolare), esercizio abusivo di attività finanziaria, trasferimento fraudolento di valori. Per quest’ultimo reato sono state eseguite anche le misure cautelari reali del sequestro preventivo di una agenzia di scommesse di in via Lago di Capestrano, tre conti gioco, tre motocicli e un’automobile. Il focus investigativo dell’intera indagine è un 41enne, già noto alle forze dell'ordine. L’intento è stato quello di dimostrare come il 41enne, grazie alla compiacenza di personaggi a lui vicini, reimpiegasse il denaro provento di attività illecita, nello specifico lo spaccio degli stupefacenti, in attività all’apparenza lecite. In via preliminare si individuavano alcune attività commerciali come possibili obiettivi da “attenzionare”, poiché riconducibili all'indagato. Il giro di affari era di centinaia di migliaia di euro. E con questo denaro era stato anche creato un giro di prestiti alle persone povere, dunque usura.

In effetti poi, attraverso una lunga e documentata attività di indagine, si è accertato che una macelleria del quartiere Rancitelli (ceh però nel frattempo ha cambiato gestione e per questo non è stata sequestrata, per tutelare i nuovi titolari), successivamente venduta, era effettivamente riconducibile ad altro personaggio noto alle forze dell'ordine. L’obiettivo più importante, nell’ambito delle attività commerciali, si è rivelata la sala scommesse di via Lago di Capestrano che, attraverso puntuali riscontri è risultata tutt’ora nella disponibilità del 41enne, ma con autorizzazioni intestate a una persona di sua stretta fiducia, che pure figura tra gli indagati e che dovrà rispondere di concorso nel reato di “trasferimento fraudolento di valori”. Il 41enne è risultato il coordinatore di fatto della sala scommesse, colui che prendeva le decisioni più importanti, fornendo l’impostazione manageriale dell’attività in stretto rapporto con la persona di fiducia.

Riuscire a dimostrare il trasferimento fraudolento di valori disciplinato dall’articolo 512 bis del codice penale in capo ai predetti soggetti, è stato un passaggio fondamentale dell’intera indagine, poiché, nell’ambito di diverse attività investigative si stanno verificando sempre più circostanze nelle quali, persone gravate da precedenti penali o comunque indagati in procedimenti spesso connessi con l’usura e lo spaccio di sostanze stupefacenti, nel momento in cui vengono trovate in possesso di consistenti quantità di denaro, esibiscono titoli relativi a vincite di gioco che dimostrerebbero, in maniera difficilmente incontrovertibile, la provenienza lecita del denaro. Per tale motivo, durante le investigazioni, sono stati richiesti alla GoldBet (società che gestisce il gruppo Intralot – GoldBet), in varie fasi, gli elenchi dei conti gioco accesi nella citata sala scommesse. Tali acquisizioni hanno permesso di appurare, come persone apparentemente quasi sull’orlo dell’indigenza, tanto è vero che alcuni di questi sono percettori di reddito di cittadinanza, erano in grado di convogliare sui conti gioco, in un arco temporale significativamente ristretto, decine di migliaia di euro. Da subito sono emerse in maniera eclatante le movimentazioni di denaro di alcuni soggetti, ritenute assolutamente sperequate rispetto alle loro reali possibilità. Ecco che attraverso una copiosa analisi di dati delle giocate, si accertava la riconducibilità delle movimentazioni in capo ad alcuni indagati, ma in particolare al 41enne. Il meccanismo dei conti gioco rappresenta un vero e proprio sistema di ripulitura del denaro, circostanza dedotta dall’esame dei conti gioco ove viene iniettato denaro di provenienza illecita e prelevato denaro frutto di vincite lecite. Un meccanismo apparentemente in perdita ma che tuttavia consente di disporre di ingenti somme somme di denaro ripulite.

A carico dei 3 arrestati, accompagnati in carcere, sono stati riconosciuti dal Gip i gravi indizi di colpevolezza in ordine al reato di spaccio continuato di sostanze stupefacenti. Una dei tre (percettrice di reddito di cittadinanza), moglie del 41enneì sarà sottoposta alla misura dell’obbligo di dimora poiché risponde di spaccio in concorso con il marito. Misura cautelare dell’obbligo di dimora e presentazione alla polizia giudiziaria. anche a carico di un altro indagato che dovrà rispondere di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso con il figlio. Il 41enne e la moglie dovranno anche rispondere del reato di illecita intermediazione finanziaria. Nel corso dell’operazione che ha riguardato anche le province di Chieti e Ravenna, sono state eseguite perquisizioni nelle abitazioni di tutti gli indagati, all’interno della sala scommesse è stato coinvolto anche personale dei Monopoli di Stato per sottoporre ad ulteriori controlli la sala ed interrompere ogni attività. Alcuni nuclei familiari degli indagati e degli arrestati sono risultati percettori del reddito di cittadinanza, ma il tenore di vita in particolare del 41enne e della sua famiglia è risultato molto al di sopra delle proprie possibilità, atteso che l’unica fonte di sostentamento lecita è risultato appunto la misura di sostegno del reddito di cittadinanza. Nel corso dell’attività investigativa sono emersi dei dati che hanno evidenziato una vita dispendiosa, come feste sfarzose di compleanno in ristoranti, feste in casa con numerosi invitati durante le quali metteva a disposizione degli ospiti sostanze stupefacenti, acquisto di abbigliamento griffato, disponibilità di autovetture intestate a terzi e, nell’ultimo periodo, auto a noleggio. Finanche l’abbonamento a una nota piattaforma televisiva a pagamento era intestato a terzi, come anche l’acquisto dei ciclomotori in uso ai figli, pure oggetto di sequestro.

All’esecuzione delle misure hanno proceduto circa 70 militari del Comando provinciale di Pescara, supportati da quelli dei Comandi provinciali di Chieti e Ravenna nonché del V nucleo elicotteri carabinieri di Pescara e del nucleo cinofili carabinieri di Chieti. Nella giornata odierna sono stati sequestrati inoltre quasi 9 mila euro trovati nell'agenzia di scommesse. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tre persone arrestate e un'agenzia di scommesse sequestrata, il denaro della droga "ripulito" con le giocate

IlPescara è in caricamento