menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arresti droga San Salvo: nuovo arresto per la banda criminale

Si trovano in carcere dal 24 maggio scorso, dopo l'operazione dei Carabinieri di Pescara che li ha arrestati a San Salvo per traffico di droga. Ora per la banda criminale arriva un'altra ordinanza d'arresto

Erano stati arrestati lo scorso 24 maggio dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Pescara, in un'operazione che aveva permesso di scoprire una vera e propria raffineria di droga gestita dal figlio di un boss della ndrangeta calabrese a San Salvo.

Ora, per i quattro arrestati è arrivata una nuova ordinanza di custodia cautelare, eseguita dai militari pescaresi in carcere, emessa dal Tribunale de L'Aquila, Direzione Distrettuala Antimafia.

L'ordinanza riguarda l'accusa di associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti, che si unisce all'arresto avvenuto in flagranza di reato.

In sostanza, il GIP de L'Aquila ha appoggiato le tesi investigative dei Carabinieri pescaresi, confermando la pericolosità dell'organizzazione ciminale dei calabresi, da tempi stabilizzati sulla costa abruzzese.

Le numerose armi sequestrate al momento degli arresti sono in mano ai RIS che cercheranno di capire se sono state usate durante alcuni episodi criminali.

Una di queste, il revolver Smith & Wesson cal 44 magnum, risulta avere stessa matricola e tipologia di un'arma il cui furto è stat denunciato a Leporano da Sferra Antonio, 43enne napoletano di cui però non ci sono più notizie dal giugno 2010, un fatto inquietante secondo gli investigatori.

L'accusa di associazione a delinquere è molto grave e può portare a condanne fino a 24 anni di carcere.

 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Attenzione al razzo cinese: l'ironia corre sul web [FOTO]

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento