rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Cronaca

Arresti dragaggio porto Pescara: indagato Testa, in manette Bellafronte Taraborelli

C'è anche il Presidente della Provincia Guerino Testa fra gli indagati nell'ambito dell'inchiesta che ha portato questa mattina all'arresto del professionista pescarese Bellafronte Taraborelli e del funzionario Biscontin

Bufera sul dragaggio "maledetto" del Porto di Pescara.

Fra gli indagati nell'inchiesta riguardante il primo bando per il dragaggio del porto, figura anche il Presidente della Provincia Guerino Testa, ex Commissario straordinario che nel 2012 si è dimesso dall'incarico.

Arrestato invece (ai domiciliari) Bellafronte Tarabborelli, noto professionista pescarese e conslutente esterno del RUP. In manette anche Biscontin, ex funzionario del Provveditorato alle Opere Pubbliche di Venezia.

L'accusa è di turbativa d'asta e violazioni delle norme sugli appalti pubblici. Misure interdittive anche ai titolari di due delle aziende che parteciparono al bando per l'assegnazione dei lavori. Un bando che portà poi al sequestro della draga Gino Gucco pochi giorni dopo l'avvio dei lavori. Le Fiamme Gialle pescaresi acquisirono una grossa mole di documenti, che hanno permesso di scoprire il presunto illecito con l'organizzazione di un cartello per favorire una delle aziende, la Dragaggi SRL, che non vinse il bando ma poi subentrò alla ditta che si era aggiudicata l'appalto. Un sistema grazie al quale la società aveva avuto informazioni confidenziali e riservate sugli altri concorrenti, e sulle percentuali di ribasso per le offerte. In pratica, una partita truccata con un giocatore che conosceva perfettamente le carte in mano e le "puntate" degli altri giocatori.

LA VICENDA Suscitò scalpore il sequestro della draga Cucco da parte dei carabinieri del NOE, soprattutto perchè i pescatori e la marineria speravano di essere arrivati ad un punto di svolta per la questione porto. Era la fine del 2011, e la marineria ha dovuto aspettare altri 16 mesi per vedere (forse) finalmente avviato il dragaggio del Porto, che dovrebbe partire, lo ricordiamo, nel mese di aprile. Ora, intanto, si scava per aprire un canale navigabile per far tornare già a metà aprile le barche in mare.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arresti dragaggio porto Pescara: indagato Testa, in manette Bellafronte Taraborelli

IlPescara è in caricamento