menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arrestati dai Carabinieri di Pescara i ladri di moto: 12 colpi in un mese

I Carabinieri di Pescara hanno arrestato ieri i due principali responsabili dei numerosi furti di moto avvenuti nell'ultimo mese nel pescarese. Dodici colpi in tutto. Si tratta di un ventenne di Pescara, Mario Bolognese, e di un cittadino senegalese, Ayeboua Kossi. La base era un magazzino di Villa Raspa

Sono stati arrestati dai Carabinieri di Pescara gli autori dei numerosi furti di moto avvenuti nell'ultimo mese fra Pescara e Francavilla.

Si tratta di un ventenne pescarese, Mario Bolognese, e di un cittadino senegalese, Ayeboua Kossi.

Dopo una serie di indagini e pedinamenti da parte degli uomini del Nucleo Radiomobile dei Carabinieri, si è arrivati ai due arrestati che avevano organizzato il gruppo che provvedeva a rubare le moto, per poi essere rivendute all'estero.

In particolare, Bolognese si occupava del furto dei motoveicoli, insieme ad alcuni minorenni che lo aiutavano. Il senegalese, invece, nascondeva le moto in un magazzino a Villa Raspa, in attesa di smerciarlo e venderlo all'estero.

Oltre dodici colpi in tutto, fra il 7 ed il 26 agosto, messi a segno nell'hinterland pescarese, arrivando fino a Francavilla. Tutte moto di grossa cilindrata, di elevato valore sul mercato, come Ducati, Augusta e Cagiva.

Grazie ad un pedinamento, i Carabinieri hanno rintracciato una delle moto rubate, ed hanno seguito il gruppo di motociclisti fino a via Italia a Villa Raspa di Spoltore. Qui è scattato il blitz con l'arresto di Bolognese, mentre gli altri componenti della banda, minorenni, sono riusciti a sfuggire.

Il ragazzo durante l'interrogatorio confessa e porta i militari nel deposito dove sono nascoste le dodici moto, spiegando il ruolo del senegalese che avrebbe dovuto rivenderle sul mercato estero. Kossi viene arrestato, ma nega le accuse, che però vengono confermate da successive perquisizioni e dai tabulati telefonici. Scatta così la misura di custodia cautelare voluta dal Gip di Pescara Di Fine.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento