menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arrestate cinque persone dalla Finanza con l'accusa di truffa immobiliare

Cinque persone sono state arrestate questa mattina dalla Guardia di Finanza di Pescara, con l'accusa di associazione a delinquere finalizzata alla truffa ed appropriazione indebita. Si tratta del presidente di una società immobiliare, Domenico Massimini, e di altre quattro persone. Nove in tutto gli indagati

La Guardia di Finanza di Pescara ha arrestato cinque persone con l'accusa di associazione a delinquere finalizzata alla truffa ed all'appropriazione indebita.

Si tratta di Domenico Massimini, di Lanciano, 53 anni, presidente della società immobiliare "Massimini Costruzioni", ed i altre quattro persone: Antonio Petrelli, Marco Secchi, Domenico Spezzaferro, Sandro Cipolla.

Nove in tutto gli indagati per l'inchiesta condotta dal Pm di Pescara Santoro, riguardante presunte truffe su alcuni immobili della città di Pescara. Massimini, in particolare, è accusato di aver alienato, all'insaputa degli altri due soci, diversi immobili con false delibere ed atti societari.

Anche quando l'uomo non era più all'interno della società, ha continuato comunque ad agire facendo passare per la persona che lo aveva sostituito.

Massimini avrebbe inoltre dilapidato gran parte del capitale della società, riuscendo a falsificare verbali, atti di vendita e documenti, con l'aiuto dei complici.

L'uomo era stato già denunciato anni fa dai suoi ex soci, ma questo fatto non l'aveva fermato, ed aveva continuato ad operare per conto della società, fingendosi l'amministratore delegato.

Sono stati posti sotto sequestro anche gli immobili di cui si era appropriato illecitamente.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento