menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Omicidio Bucco: udienza il 7 aprile per decidere sull’archiviazione

Per il pm titolare delle indagini, Gennaro Varone, “ogni verifica di traccia biologica che potesse legare una delle persone sospettate al luogo del delitto è stata negativa”

Si terra’ il 7 aprile 2016 l’udienza davanti al gip del Tribunale di Pescara, Nicola Colantonio, per decidere sulla richiesta di archiviazione riguardante l’omicidio di Nicola Bucco, ucciso con tre coltellate il 14 novembre 2012 a Pescara nella sua abitazione di via Leopardi, e sulla relativa opposizione.

A chiedere l’archiviazione del procedimento e’ stato il pm titolare delle indagini, Gennaro Varone, perchè “ogni verifica di traccia biologica che potesse legare una delle persone sospettate al luogo del delitto e’ stata negativa” e inoltre “non sembra vi sia ragionevole possibilita’ di elevare ad alcuno una imputazione che possa essere ragionevolmente sostenuta in dibattimento”.

Tre le persone finite nel registro degli indagati.

A opporsi alla richiesta di archiviazione sono la sorella, il figlio e l’ex moglie della vittima, che, tramite i loro legali, sostengono la necessita’ di disporre “l’integrazione delle attivita’ di indagine compiute” e di una “attenta verifica di aspetti che non possono essere giustificati d’ufficio semplicemente secondo parametri di verosimile convinzione”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento