rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Cronaca

Valanga hotel Rigopiano, parla Giampiero Parete: "Sono un miracolato"

Fu l'uomo che lanciò l'Sos: "Ho vissuto l'ultimo giorno dei 29 angeli. Non sappiamo cosa abbiamo fatto noi per meritare questo, cosa dovrei fare per ripagare tutto questo bene che mi è venuto addosso"

 "Mi sento miracolato. Non sappiamo cosa abbiamo fatto noi per meritare questo, cosa dovrei fare per ripagare tutto questo bene che mi è venuto addosso".

In occasione del primo anniversario di Rigopiano è tornato a parlare Giampiero Parete, l'uomo che lanciò l'sos, scampato alla tragedia quel 18 gennaio di un anno fa insieme alla moglie e ai due figli. 

"Ho vissuto l'ultimo giorno dei 29 angeli. È difficile da dimenticare, sto sempre con il pensiero a loro".

Questo è ciò che ha detto Parete all'uscita dalla chiesa di Farindola dopo la messa per commemorare le 29 vittime. Con il suono del silenzio si è aperta a Rigopiano alle 9.48 la cerimonia di deposizione di una corona davanti all'ingresso di quello che resta del resort. A presiedere la breve e toccante cerimonia è stato il vescovo della Diocesi Pescara-Penne, Monsignor Tommaso Valentinetti, che nel corso della benedizione ha detto:

"Il sole che splende oggi si è appannato nel cuore di tutti coloro che sono qui. Signore noi ti chiediamo di ridarci ora questo sole e la pace eterna a coloro che non sono più fra noi".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Valanga hotel Rigopiano, parla Giampiero Parete: "Sono un miracolato"

IlPescara è in caricamento