rotate-mobile
Cronaca

Carabiniere morto suicida in ufficio, ecco chi era la vittima

L'uomo si è sparato un colpo in testa con la pistola d'ordinanza dopo essersi chiuso in bagno. Era divorziato e non aveva figli. Aveva prima lavorato a Pescara e poi aveva fatto ritorno in città dopo un periodo ad Ancona

Si chiamava Alessandro De Luca, era di Pescara e viveva in via Aldo Moro il carabiniere del Noe che ieri mattina (11 gennaio) si è tolto la vita mentre si trovava nel suo ufficio in via Venezia, all'ottavo piano. Aveva 45 anni.

L'uomo si è sparato un colpo in testa con la pistola d'ordinanza dopo essersi chiuso in bagno. Era divorziato e non aveva figli. Aveva prima lavorato a Pescara e poi aveva fatto ritorno in città dopo un periodo ad Ancona.

La tragedia si è consumata poco prima delle ore 9, tra lo sgomento dei colleghi e di tutti coloro che conoscevano la vittima. Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia e i sanitari del 118, e da Roma è arrivato anche il generale Maurizio Ferla, a capo del comando carabinieri nazionale per la tutela ambientale. 

Suicidio carabiniere Pescara 11 gennaio 2020

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carabiniere morto suicida in ufficio, ecco chi era la vittima

IlPescara è in caricamento