menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Agente di polizia pescarese si suicida a Trieste

Tragedia della disperazione ieri nel capoluogo friuliano dove un 32enne pescarese agente di Polizia Penitenziaria si è sparato dopo aver telefonato al fratello ed alla madre

Un pescarese di 32 anni,M.S, si è suicidato ieri mattina a Trieste, dove prestava servizio come agente di Polizia Penitenziaria.

L'uomo ha prima telefonato alla madre ed al fratello informandoli delle sue tragiche intenzioni, ma nonostante l'allarme sia stato dato immediatamente dai parenti non c'è stato nulla da fare.

A quanto pare, l'agente ieri si è recato in anticipo presso il carcere del capoluogo friulano per prendere la pistola. A quel punto, è tornato a casa e si è sparato un colpo alla testa nel cortile del palazzo.

Inutili i soccorsi del 118, l'uomo era già morto. Alla base del gesto estremo ci sarebbero problemi familiari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento