menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Abruzzo: la popolazione cresce meno che in Italia, allarme nell'entroterra

In Abruzzo la popolazione cresce meno che nel resto del nostro Paese. E' quanto emerge dal bilancio demografico del 2009 pubblicato dall'Istat. Una regione dalle due facce: allarme spopolamento nell'entroterra, mentre lungo la costa si concentra il 65% degli abitanti

Una regione dalle due facce quella che emerge dal rapporto sul bilancio demografico pubblicato nei giorni scorsi dall'Istat.

Se, da un lato, l'Abruzzo cresce in termini di popolazione meno della media nazionale, con un dato del + 0,14% rispetto allo 0,26% nazionale, facendo un'analisi più approfondita dello studio, si nota come nella regione la tendenza sia diametralmente opposta paragonando la costa all'entroterra.

"Nei primi sei mesi del 2009 il bilancio demografico italiano è stato positivo, grazie all’elevato saldo migratorio che riesce a compensare abbondantemente il decremento del saldo naturale. In questo contesto, tuttavia, l’Abruzzo cresce meno della realtà italiana (0,14% contro lo 0,26%): questo risultato non dipende dall’incremento migratorio che è quasi  lo stesso di quello nazionale (0,31% contro lo 0,32%), ma dal forte decremento del saldo naturale, che è di gran lunga superiore  a quello nazionale: -0,17% contro il  -0,06%».
La decisa denatalità, nella nostra regione, fa il paio con la crescita a due velocità: una alta, nelle province di Teramo e Pescara, e una sostanzialmente nulla nelle province di Chieti e dell’Aquila." si legge nel rapporto del Centro Studi del Cna abruzzese.

A dare nell'occhio anche il calcolo della densità demografica rispetto al territorio. Se in Abruzzo il 72% del territorio è occupato da comuni montani, qui vi risiede solo il 35% degli abruzzesi. Lungo i comuni costieri, invece, che occupano il 27% del territorio, risiede il 65% dei cittadini. Una tendenza che vale soprattuto per il territorio teramano e pescarese, che cresce con un tasso addirittura superiore alla media italiana.

Nel dettaglio dei singoli comuni, balza agli occhi la crescita vertiginosa di Montesilvano, che ha sfiorato i 50 mila residenti, con 860 unità in più rispetto al gennaio 2009.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento