rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Cronaca

1° maggio, flash mob della Cgil contro i morti sul lavoro

I sindacati hanno voluto dire no al concertone organizzato dal Comune in piazza: "E' soltanto una festa commerciale". L'affondo di Ondifero: "Ci dispiace sottolineare questa svalorizzazione del lavoro, dove tutto è uguale, tutto mischiato"

Flash mob contro le morti sul lavoro della Cgil a Pescara, in Piazza Italia, davanti al Comune: 'No al lavoro che uccide'. Una lunga scritta esposta anche per prendere posizione contro la scelta del Comune di organizzare il concertone di piazza Salotto ''senza parlare dei temi del lavoro, ma solo come evento turistico aggregativo: noi siamo per la celebrazione dei valori fondanti del lavoro e come sindacati non saremo sul palco'', ha spiegato Luca Ondifero, il segretario della Camera del Lavoro di Pescara.    

Un comunicato unitario nei giorni scorsi aveva denunciato la mancata adesione dei sindacati all'evento organizzato dal Comune, con la presenza sul palco di rapper e musicisti quali Gue' Pequeno:

''Ci dispiace sottolineare questa svalorizzazione del lavoro, dove tutto è uguale, tutto mischiato - conclude il segretario della Cgil - specie in una regione come l'Abruzzo in cima alle classifiche nazionali per rapporto tra mortalità sul lavoro e occupati, triste primato che non ci fa felici''.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

1° maggio, flash mob della Cgil contro i morti sul lavoro

IlPescara è in caricamento