Come pulire il piano cottura: 5 metodi naturali

Prodotti naturali, facili da reperire e utilissimi per far splendere il piano cottura e averlo sempre pulito

Dopo aver cucinato e mangiato le pietanze preparate, è necessario mettere in ordine, ma come pulire il piano cottura? E, soprattutto, come farlo con metodi naturali? Ci sono tanti modi per far brillare la superficie dove si cucina, i fornelli e le griglie, ma non è detto che bisogna farlo sempre con i prodotti chimici. Ci sono tanti ingredienti green che tutti noi – perlopiù – abbiamo in casa e che possiamo utilizzare.

Se siete amici dell’ambiente e non amate usare e spendere denaro inutile in prodotti chimici per la pulizia della casa, ecco 5 validi metodi naturali per pulire il piano cottura efficacemente.

Acqua e bicarbonato

Sappiamo bene che il bicarbonato in casa è un valido alleato per tantissimi motivi. Si può usare per pulire il frigorifero, igienizzare la lavatrice e la lavastoviglie ma anche per il proprio benessere. Ed è utile anche per pulire il piano cottura. Basta aggiungere in un bicchiere d’acqua un cucchiaio di bicarbonato, mescolando piano per creare una consistenza pastosa e densa, che dovrete spalmare direttamente sul piano cottura e lasciare agire per 10 minuti. Basta poi usare una spugna per rimuovere il composto a mano a mano. Non c’è bisogno di sfregare perché l’azione di acqua e bicarbonato è basica, quindi intacca lo sporco, anche quello più incrostato, senza fare grande sforzi. Risciacquate e asciugate e ammirate il risultato.

Dentifricio

Il dentifricio ha una funzione sbiancante ed è leggermente abrasivo, quindi permette di rimuovere con facilità le macchie e lucidare le superfici. Basta spremere il contenuto del tubetto direttamente sull’acciaio, spalmarlo sull’intero piano cottura, con le mani o con un cucchiaino, e lasciare agire per almeno 5 minuti. Con una spugna umida rimuovete la pasta, sciacquate e asciugate.

Acqua e aceto

Anche l’aceto è molto utile per pulire e disincrostare le macchie. La soluzione di acqua e aceto, che sarà composta da quantità uguali di entrambe, va messa dentro uno spruzzino. Agitare il flacone e vaporizzare sul piano cottura. L’aceto ammorbidirà le macchie e con una spugna sarà facile rimuoverle. Rispetto ai metodi precedenti, l’aceto ha un’azione molto rapida, quindi risciacquate velocemente e asciugate.

Sale e limone

Sale e limone sono entrambi utili per la pulizia. Per detergere il piano cottura, bisogna cospargere la superficie di sale, che bagnerete con il succo del limone spremuto. Non gettate la scorza, vi servirà come sostituta della classica spugna. Per non rovinare l’acciaio, strofinate con delicatezza la scorza sul sale. Risciacquate e asciugate.

Farina gialla

Infine la farina gialla, quella che si usa per la polenta! Basta metterne alcuni cucchiai in un bicchiere d’acqua, fino a ottenere una consistenza pastosa e densa. Spalmare il composto sul piano e lasciare agire per circa 10 minuti. Rimuovere con una spugna umida, risciacquare e asciugare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come pulire i termosifoni: consigli per averli sempre performanti

  • 8 consigli per risparmiare sulle bollette in inverno

  • Scambio casa: che cos’è e perché conviene

  • Illuminazione smart, per una casa sempre più tecnologica

Torna su
IlPescara è in caricamento