rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Giardino

Come coltivare l’agrifoglio, simbolo delle festività

Tra le piante più regalate nel periodo natalizio

Vero e proprio portafortuna, l’agrifoglio è tra le piante più regalate nel periodo natalizio. È utile per decorare, magari realizzando delle ghirlande fuori porta o da mettere sulla cornice del caminetto e scacciare gli spiriti maligni.

L’agrifoglio è un arbusto sempreverde contraddistinto da foglie pungenti verde lucido e bacche rosse. Se coltivato in vaso, può raggiungere un’altezza di circa 10 metri.

Curiosità: non tutte le foglie dell’agrifoglio sono pungenti. La pianta sfrutta un meccanismo di autodifesa, che fa sì che nella parte bassa le foglie siano più pungenti rispetto a quelle in alto per potersi proteggere dagli attacchi degli animali.

Caratteristiche dell’agrifoglio 

Le foglie color verde lucente o con dettagli giallo chiaro o bianchi, si rinnovano una volta l'anno. Lo stesso vale anche per i fiori rossi, che durano a lungo e sbocciano in estate. I fiori si dividono in femminili, di colore bianco o con sfumature rosa, che producono un gran numero di bacche, e in maschili, con petali gialli.

Come coltivare e curare l'agrifoglio

L’agrifoglio è una pianta particolarmente resistente, non ha bisogno di molte cure e la sua posizione non influisce sulla crescita. Tuttavia, è meglio non posizionarla in pieno sole, ma prediligere una zona semi ombreggiata.

È resistente alle basse temperature, ma se si abita in zone molto fredde, si può sistemare in una serra o in casa.

L’agrifoglio in vaso o in giardino preferisce terreni “acidi” e la messa a dimora deve essere fatta tra febbraio marzo.

La pianta ha una crescita lenta ma necessita comunque di qualche potatura, generalmente da effettuare a fine estate, il periodo migliore per darle una forma armoniosa.

L’agrifoglio necessita di un terreno umido, quindi va spesso innaffiato: se sta in giardino, ogni 2 settimane; se si trova in vaso, va aggiunta l’acqua con maggiore frequenza. Per proteggerlo da parassiti e farlo crescere al meglio, va concimato regolarmente: i periodi migliori sono la primavera e l’inverno per aiutare la fioritura.

Perchè bisogna baciarsi sotto il vischio

Proprietà dell'agrifoglio

Le bacche della pianta sono velenose per l'uomo, perché contengono una sostanza tossica che è l’ilicina: motivo per cui non vanno mangiate, né messe in infusione.

I fiori di agrifoglio invece sono spesso usati per realizzare estratti curativi.

Prodotti online per coltivare l'agrifoglio

Agrifoglio

Agrifoglio Aquifoglio Pungitopo

Concime

Fertilizzante liquido

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come coltivare l’agrifoglio, simbolo delle festività

IlPescara è in caricamento