Come scegliere la cappa giusta per la cucina

Ne esistono varie tipologie che si differenziano per sistema e installazione

@pixabay

Necessaria durante la cottura dei pasti, la cappa in cucina svolge un ruolo fondamentale, motivo per cui è importante sceglierne una efficace e adatta alle proprie esigenze.

Cosa fa? Questo elettrodomestico ha il compito di aspirare ed eliminare gli odori della cottura dei cibi. In alcuni casi è un elemento di design ed è obbligatoria per legge.

Ne esistono varie tipologie che si differenziano per sistema e installazione.

Tipi di cappe per cucina

Affinché sia effettivamente utile ed efficace, la cappa deve avere la stessa larghezza del piano cottura, ma può essere più grande.  Le dimensioni consigliate vanno dai 60 ai 120 cm, mentre la distanza dai fornelli deve essere di circa 65-90 cm. La rumorosità deve essere compresa tra 50 e 70 decibel.

In commercio ci sono:

  • cappa aspirante, che purifica l’aria attraverso un sistema di filtri antigrasso in alluminio o acciaio. Pulita dalle scorie, l’aria esce dalla canna fumaria;
  • cappa filtrante, che non ha tubo per la ventilazione esterna. Preleva l’aria, la purifica da odori e fumi e la restituisce pulita. I filtri a carbone attivo sono i più funzionali.

Si possono poi distinguere per tipo di collocazione: a parete, a isola e a incasso.

A parete, o a camino, è indicata per le cucine che si sviluppano lungo il muro. Realizzata in acciaio inossidabile, vanta un design essenziale;

A isola: sospesa e ancorata al soffitto, ha uno stile moderno che si adatta alle cucine con il piano cottura inserito nell’isola;

A incasso angolare, anche definito a caminetto, è montata nelle cucine che hanno il piano cottura a ridosso dell’angolo. Realizzata in acciaio, si adatta ai contesti sia moderni che classici;

A incasso classica, o sottopensile: la cappa viene inserita all’interno di un pensile. La caratteristica di questo modello è che è coperta dall’anta del mobile. Molto pratica ha un livello di aspirazione efficiente.

Come manutenere la cappa

La manutenzione dipende dai filtri: quelli a carboni devono essere sostituiti una volta ogni tre mesi, i filtri metallici invece possono essere puliti periodicamente.

Prodotti online

Cappa aspirante 60 cm

Cappa aspirante sottopensile

Cappa sospesa

Cappa inclinata

Cappa con filtro a carboni attivi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bagno cieco: cosa serve per renderlo efficiente

  • Come arredare l’open space piccolo: qualche consiglio

  • Coltivare una lattuga dai suoi scarti: ecco come fare

  • Divano: come scegliere quello giusto senza errori

  • Come scegliere il materasso giusto e i modelli in commercio

Torna su
IlPescara è in caricamento