Salute

Aprile, il mese dedicato alla prevenzione alcologica: i suggerimenti della asl nell’era del Covid

Aprile è il mese dedicato alla prevenzione delle problematiche alcol correlate

Il mese di aprile è dedicato alla prevenzione alcologica. Soprattutto in questi ultimi 12 mesi il consumo di alcol è aumentato a causa del Covid-19.

È stato registrato un incremento delle vendite di alcolici online del 425%. Il 63% degli italiani ha aumentato il consumo di alcolici. Tra le persone che hanno una patologia alcol-correlata si evidenzia un significativo incremento del rischio della ricaduta e lo stato di sofferenza delle famiglie aumenta.

In queste circostanze critiche, è essenziale che tutti siano informati su altri rischi e pericoli per la salute al fine di mantenere uno stato di buona salute.

Il consumo di alcol non protegge dal Covid-19 e non è utile per evitare di essere infettati. Piuttosto, al contrario, chi ne abusa, è maggiormente a rischio.

È noto che tra consumo di alcol e infezioni virali esista una correlazione dose-dipendente.

Cos'è la stanchezza primaverile

Il consumo dannoso di alcol colpisce tutte le componenti del sistema immunitario. L’alcol causa una riduzione del numero e delle funzioni dei linfociti B ed una maggiore produzione di immunoglobuline, altera l'equilibrio tra i diversi linfociti T, compromette il numero di linfociti T e il loro funzionamento, promuove la morte cellulare.

L’alcol è un potenziale fattore di rischio per la polmonite, anche attraverso altri meccanismi: riduce il tono oro-faringeo aumentando il rischio di aspirazione microbica e modifica la funzione dei macrofagi alveolari; inoltre è spesso causa di malnutrizione, una condizione che aumenta il rischio di infezioni. Da segnalare infine che, l’aumentato rischio di infezioni, oltre agli effetti dell’alcol sul sistema immunitario, può anche essere associato alla presenza di una malattia epatica alcol-correlata.

Nel tempo della pandemia, l’attività clinica al servizio di alcologia, Ser.D, asl Pescara, non è stata mai sospesa. La persona che presenta problematiche alcol-correlate è frequentemente sottoposta a rischio di ricaduta con peggioramento delle condizioni psicofisiche, quindi necessita di monitoraggio clinico e sostegno psicologico.                                                                                                         

Inoltre si evidenzia che i gruppi di auto-mutuo aiuto, anche in modalità online, sono un importante riferimento per le persone con problematiche alcol-correlate e per le loro famiglie.                                                                       Nel nostro territorio sono presenti sia gli a.a. (Alcolisti Anonimi) che i gruppi familiari Al-Anon ed il c.a.t. (Club Alcologici Territoriali).

Nella pagina web del servizio di alcologia della asl di Pescara, oltre ad altre informazioni, è disponibile anche un test di autovalutazione (a.u.d.i.t. – Alchol Use Disorder Test), strumento efficace con elevata specificità e sensibilità ampiamente validato, che consente di identificare precocemente un consumo dannoso di alcol.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aprile, il mese dedicato alla prevenzione alcologica: i suggerimenti della asl nell’era del Covid

IlPescara è in caricamento