Ogni quanto bisogna cambiare le lenzuola?

Anche se sembra linda e perfettamente stirata, la biancheria del letto si sporca, molto più di quel che si pensa

@unsplash

C’è una regola che stabilisce ogni quanto bisogna cambiare le lenzuola? Anche se sembra linda e perfettamente stirata, la biancheria del letto si sporca, molto più di quel che si pensa. Caldo, sudore, capelli, cellule morte ma anche contatto con altri tessuti, come il pigiama, compromettono il candore delle lenzuola, motivo per cui vanno lavate e sostituite. E questo vale anche per gli asciugamani in bagno.

Perché cambiare le lenzuola

Un terzo della nostra giornata la trascorriamo a letto. In questo arco di tempo, che ripete ogni notte (o giorno) sporchiamo inevitabilmente le lenzuola e le federe.

Cambiarle è fondamentale non solo per dormire su una biancheria fresca, morbida, profumata e pulita, ma soprattutto per evitare irritazioni. Queste sono dovute da microbi e batteri che, notte dopo notte, si annidano tra le trame della biancheria. Possono derivare dal cuoio capelluto, dall’abbigliamento ma anche, soprattutto in inverno, da colpi di tosse e starnuti. E se in casa ci sono animali, sulle lenzuola si depositeranno peli – anche se sul letto non salgono – così come acari e funghi.

Quando cambiare le lenzuola

Ma allora le lenzuola bisogna cambiare frequentemente? Ogni quanti giorni? Basta cambiarle una volta a settimana, d’estate meglio due volte, soprattutto le federe. I cuscini, infatti, sono i maggiori accumulatori di batteri e funghi.

Lenzuola e federe andrebbero lavate da sole, senza mischiarle con il resto del bucato. In genere bisogna lavarle in lavatrice a 60 gradi ed è bene aggiungere un antibatterico. Se volete ricorrere a un metodo naturale, basta aggiungere qualche cucchiaio di aceto.

Ricordate di non riporle mai umide nell’armadio, piuttosto farle asciugare bene all’aria.

Consigli in più

Se siete particolarmente attenti all’igiene delle vostre lenzuola, questi consigli aggiuntivi potrebbero fare al caso vostro:

  • preferire tessuti naturali e traspiranti come cotone e lino;
  • far arieggiare il materasso, capovolgerlo e pulirlo con l’aspirapolvere;
  • fare una doccia prima di andare a dormire;
  • non mangiare a letto;
  • non mettersi mai a letto con pelle e capelli bagnati;
  • non poggiarsi o stendersi sul letto con i vestiti indossati durante il giorno;
  • al mattino aprire le finestre per arieggiare la camera e aspettare prima di rifare il letto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, l'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Cosa mangiare per rafforzare le difese immunitarie: 6 alimenti per fare il pieno di energia

  • Esplosione e forte boato al confine fra Pescara e Montesilvano: sul posto i vigili del fuoco

  • "Il caffè è compagnia, così non si può lavorare": bar di Montesilvano preferisce chiudere

  • Covid, dal 29 novembre cambiano i colori delle Regioni: l'Abruzzo resterà zona rossa almeno fino al 3 dicembre

  • L'Abruzzo resterebbe zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto, ma Marsilio punta ad anticipare

Torna su
IlPescara è in caricamento