Cura della persona

Cuoio capelluto arrossato: cause e rimedi

Opportuno richiedere un controllo medico e agire tempestivamente

Cosa fare in caso di cuoio capelluto arrossato? Può capitare di avvertire prurito in testa e automaticamente di grattarsi. Se è un fastidio passeggero, passerà rapidamente, ma se si dovesse trattare di qualcosa di più serio, è opportuno richiedere un controllo medico e agire tempestivamente.

Le cause

Tra i fattori che possono comportare fastidi, rossori e irritazioni troviamo:

  • utilizzo di shampoo e prodotti per capelli aggressivi
  • abuso di tinte per capelli e decolorazioni
  • utilizzo di farmaci per la pelle
  • inquinamento
  • danni derivanti dall’utilizzo di spazzole non adatte alla sensibilità della cute
  • problemi ormonali
  • allergie a prodotti o alimenti
  • stress eccessivo
  • invecchiamento naturale della cute
  • dermatite seborroica
  • psoriasi

Prodotti per cuoio capelluto sensibile

Quando si acquistano prodotti per capelli, bisogna prestare particolare attenzione agli ingredienti. Alcuni possono essere davvero troppo aggressivi e rischiano di irritare maggiormente la cute. Motivo per cui bisogna scegliere cosmetici ad hoc, lenitivi, purificanti e nutrienti. Nel dubbio, è possibile chiedere al proprio parrucchiere, al medico, al dermatologo o direttamente in farmacia.

Come lavare i capelli

Bisogna preferire, quindi, prodotti delicati e lenitivi ed evitare di lavare i capelli più di 3 volte a settimana, anche se si pratica sport.

Probiotici

U probiotici sono batteri organici fondamentali per l’equilibrio del nostro organismo e utili anche al benessere dei capelli e alla salute del cuoio capelluto.

Rimedi green: erbe e oli

Erbe naturali e oli essenziali sono utili per lenire il cuoio capelluto arrossato e la cute infiammata.

Estratti di ortica e salvia, olio essenziale di lavanda, impacchi di camomilla ma anche alle applicazioni di gel con aloe vera, estratto direttamente dalla pianta, si rivelano molto efficaci.

Contro il prurito si può usare l’olio di argan o di jojoba, da emulsionare con un po’ d’acqua. L’olio di iperico, dalle proprietà cicatrizzanti ed emollienti, è l’ideale da applicare quando si sente più bruciore o se la cute è più secca.

Scrub del cuoio capelluto

Effettuare l’esfoliazione del cuoio capelluto, quindi uno scrub, serve a rimuovere residui di balsami e prodotti per lo styling, polveri sottili derivanti dall'inquinamento atmosferico, cellule morte e sebo. Un ottimo rimedio per far sì che la cute non si irriti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cuoio capelluto arrossato: cause e rimedi

IlPescara è in caricamento