Come preparare infusi e tisane di bellezza: le migliori ricette

Sono idratanti, drenanti e possono supportare diete, attività fisica e trattamenti

La stagione autunnale fa venire gran vogli di infusi caldi e questo è il periodo giusto per iniziare a preparare le tisane di bellezza e godere dei loro benefici. Tante sono le proprietà che possono avere, in base agli ingredienti scelti. Ma, attenzione, conviene acquistare erbe direttamente in erboristeria, per avere anche i consigli dell’esperto erborista, piuttosto che quelle industriali nei supermercati.

Sono idratanti, drenanti e possono supportare diete, attività fisica e trattamenti.

Per preparare la tisana bisogna far bollire l’acqua, aggiungere un cucchiaio di miscela, lasciare in infusione per il tempo necessario (dai 5 ai 20 minuti) in un contenitore con coperchio chiuso e gustarla meglio se calda. Tuttavia è anche possibile conservarla in frigo per un giorno o due al massimo.

Le ricette di bellezza

Di seguito vi elencheremo una serie di tisane di bellezza, con relative ricette per la preparazione, ognuna caratterizzata da una specifica (snellente, anti-gonfiore, depurativa).

  • Tisana anticellulite e snellente - per preparare questa tisana utilizza una miscela a base di fucus, ribes, spirea, vite rossa, finocchio, frangula e menta; il fucus, infatti, contribuisce ad attivare il metabolismo, mentre la vite rossa stimola il micro-circolo, aiutando il drenaggio dei liquidi in eccesso e lo smaltimento dei grassi.
  • Tisana detox - a base di tarassaco, bardana, cicoria, calendula, rosmarino ed anice stellato, la tisana detox aiuta ad eliminare tossine e impurità, e permette di recuperare energie e luminosità.
  • Tisana contro le gambe gonfie - la miscela a base di centella, mirtillo e sorbo è l'ideale per sgonfiare e alleggerire le gambe stanche, perché agisce a livello linfatico e venoso, ed è specifica per la circolazione degli arti inferiori.
  • Tisana drenante - per preparare una tisana drenante puoi utilizzare una miscela di equiseto, betulla, fico d'india, uva orsina, ortica e finocchio; ideale per eliminare liquidi in eccesso, sgonfiare la pancia e attenuare borse e occhiaie, questa miscela aiuta anche a drenare i liquidi a livello cellulare e a sentirsi più leggeri.
  • Tisana depurativa - assumere una tisana con enotera, borraggine e bardana è la scelta giusta per restituire luce alla pelle, depurare il fegato, eliminare le impurità, e, grazie alla forte presenza di vitamina E, migliorare l'elasticità della pelle e prevenire le rughe. Inoltre, puoi aggiungere un po' di camomilla e fare degli impacchi sugli occhi per eliminare borse e occhiaie.
  • Tisana contro la pancia gonfia - per ottenere una pancia piatta e allontanare il gonfiore puoi provare una miscela di malva, angelica, semi di finocchio, melissa e achillea, dalla funzione antinfiammatoria e capace di aiutare la digestione, prevenire la formazione di gas addominali e contrastare le coliti da stress.
  • Tisana rilassante - ideale da assumere prima di andare a dormire, la tisana rilassante è una miscela di passiflora, melissa, tiglio, fiori d'arancio e petali di papavero, in grado di rilassare la muscolatura anche a livello addominale, riequilibrare i cicli di sonno e veglia e dare continuità al sonno.

Raccomandazioni

È sempre consigliabile acquistare erbe, fiori e miscele in erboristeria: sono più efficaci rispetto alle tisane già preparate, facilmente reperibili nei supermercati. L’erborista vi illustrerà le proprietà e a questa figura potete chiedere nello specifico ciò di cui avete bisogno. Studierà per voi la miscela giusta e saprà consigliarvi.

Controindicazioni

Ci sono erbe che, a lungo andare, possono provocare effetti tossici:

  • Consolida maggiore - che contiene alcaloidi che possono causare danni permanenti al fegato in caso di uso costante e continuato;
  • Lobelia - che contiene alcaloidi dall'efficacia simile alla nicotina;
  • Digitalis - considerata fortemente velenosa a causa dell’elevato contenuto di glucosidi, concentrati principalmente nelle foglie.

Inoltre, è bene sapere che diverse erbe medicinali sono assolutamente da evitare in caso di gravidanza, avendo proprietà abortive: di conseguenza, se consumate da una donna incinta, potrebbero causare un aborto spontaneo.

Le più comuni sono: la noce moscata, il macis, la papaya, il melone amaro, la verbena, lo zafferano e l'olmo. Esistono poi delle erbe controverse o di dubbio effetto, cui bisogna comunque fare attenzione, come l'artemisia, la ruta, la mentuccia, la carota selvatica, il blu cohosh (Caulophyllum thalictroides), il tanaceto e il ginepro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto Ivan Vaccaro, insieme ai fratelli gestiva Tortuga e Megà: aveva solo 30 anni

  • Incendio al Tortuga, lo storico stabilimento balneare distrutto dalle fiamme [FOTO]

  • Chiude la storica palestra Living dopo 37 anni: "Abbiamo lottato ma comunichiamo la fine della nostra Asd"

  • Saturimetro: cos’è, come si usa e perché, proprio ora, è fondamentale

  • Tragedia a Spoltore, giovane di 23 anni trovato senza vita [FOTO]

  • Giovane trovato morto a Spoltore: la ricostruzione dei carabinieri

Torna su
IlPescara è in caricamento