menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bozza (presidente tribunale): "Noi toghe vaccinate su invito dell'autorità sanitaria"

Angelo Mariano Bozza, presidente del tribunale di Pescara, interviene riguardo alle polemiche che si sono scatenate dopo l'inserimento del personale giudiziario tra le categorie prioritarie della campagna vaccinale

Il presidente del tribunale di Pescara, Angelo Mariano Bozza, spiega come sia andata la vicenda dei vaccini somministrati al personale giudiziario quale categoria prioritaria prevista dalla delibera 173 della giunta regionale abruzzese.
Bozza lo fa rispondendo all'Adnkronos specificando alcuni aspetti che hanno fatto sollevare numerose polemiche.

«Noi, tribunale e procura, ci siamo esclusivamente limitati a prendere atto del fatto che ci hanno convocati e siamo andati a fare il vaccino», dice Bozza, «è arrivata la disposizione per fare il vaccino e io, come capo dell'ufficio, ho garantito l'organizzazione interna per farlo. Tutto qui. Ma è bene chiarire che a vaccinarsi non sono stati solo i magistrati, ma tutto il personale del tribunale e della procura, oltre ai giudici di pace».

Il provvedimento approvato dalla Regione relativa al "programma regionale per la campagna di vaccinazione anti Sars-Cov-2 Covid-19", che inserisce fra le categorie da vaccinare anche "forze armate, polizia di Stato, guardia di finanza e altri operatori di polizia tributaria, capitaneria di porto, vigili del fuoco, polizia locale, protezione civile e altri addetti ai servizi alla persona, operatori a vario titolo qualificati ufficiali di polizia giudiziaria, compreso il personale operante nelle Procure della Repubblica e i tribunali". Bozza si sofferma anche sulle polemiche nonché le perplessità espresse anche dal Consiglio ordini forensi dell'Abruzzo: «Le polemiche sono dovute al fatto che le vaccinazioni sono state limitate al personale della giustizia e non anche agli avvocati che partecipano della giustizia nelle aule di udienza civili e penali. E non è assolutamente campato per aria, assolutamente». 

Poi Bozza aggiunge: «Il comparto giustizia è un servizio essenziale, ma non voglio discutere di quello. Voglio tenermi fuori. Noi abbiamo ricevuto l'invito dell'autorità sanitaria ad andare a fare il vaccino e siamo andati. Lo garantisco. Ho letto anche la circolare dell'Anm, ma non mi pronuncio. Non mi compete. E non metto lingua nemmeno sulla delibera. Io ho assolto solo al mio dovere di capo ufficio». Infine, il presidente del tribunale di Pescara conclude: «Ci siamo vaccinati ieri mattina al Palafiere di Pescara. A vaccinarci siamo stati circa 20 magistrati, alcuni non lo hanno potuto fare per ragioni varie e motivi di salute. Più un'altra decina della procura, forse meno di dieci. L'età media dei magistrati vaccinati sarà di 45/50 anni».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento