rotate-mobile
Attualità

Vaccini antinfluenzali e anticovid: in tre mesi somministrate oltre 122mila dosi in Abruzzo

L'assessorato regionale ha diffuso i dati relativi al periodo 9 settembre-13 dicembre: notevole la differenza numerica tra i primi e i secondi

Tra il 9 settembre e il 13 dicembre sono state somministrate 122mila 476 dosi di vaccino, sia quello antinfluenzale che quello anticovid. Grande la differenza tra i due dati elaborati dal dipartimento sanità e comunicati dall'assessorato regionale alla Salute.

Se infatti le vaccinazioni antinfluenzali sono state 108mila 957 di cui 86mila 653 somministrate su pazienti over 65, quelle anticovid raccomandate in questo periodo visto il ritorno del virus ormai endemico, ma particolarmente rischioso per i fragili come ricordato dal direttore della Uoc di Malattie infettive Giustino Parruti, sono state 13mila 519, la quasi totalità somministrata proprio alla fascia consigliata e cioè gli over 60 per un totale di 11mila 742 persone.

La maggior parte delle somministrazioni è avvenuta negli ambulatori dei medici di medicina generale (88mila 916 antinfluenzali e 3mila 928 anticovid), oltre che nei centri vaccinali delle Asl (14mila 339 e 7mila 281) e nella rete delle farmacie territoriali (5mla 702 e 2mila 310).

“Va precisato in seguito alla circostanza che questi dati ancora non compaiono nelle tabelle statistiche nazionali, che in seguito all’attacco hacker alla Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila della scorsa primavera, la Regione ha avviato la migrazione dei dati sanitari sulle piattaforme informatiche del Polo strategico nazionale. Un processo che rientra nel più ampio piano di digitalizzazione della sanità regionale, per il quale è previsto un investimento di circa 50 milioni di euro”, sottolinea l'assessorato regionale.

“Nell’ambito di questo programma, attuato per garantire la più alta sicurezza delle informazioni, tra ottobre e novembre scorsi è stato effettuato il trasferimento dei dati vaccinali tra il vecchio sistema Poste e la nuova anagrafe regionale, che comunicherà direttamente con le infrastrutture Avo del Ministero della Salute, oltre a permettere a ciascun utente di accedere alla propria situazione vaccinale personale. La migrazione dovrebbe concludersi entro la prossima settimana – fa sapere ancora -, con il riallineamento dei dati abruzzesi con quelli delle altre Regioni”.

“Con le azioni messe in campo sul fronte della digitalizzazione e sicurezza informatica, la Regione oltre a migliorare la fruizione e la condivisione delle informazioni di salute tra i punti di erogazione dell’assistenza sanitaria - conclude la nota - è intervenuta per sanare anni di indifferenza su queste tematiche da parte delle amministrazioni precedenti, recuperando non solo i ritardi accumulati in passato, ma attivando anche nuovi servizi supplementari”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini antinfluenzali e anticovid: in tre mesi somministrate oltre 122mila dosi in Abruzzo

IlPescara è in caricamento