menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vaccinazioni anti Covid-19 dei pazienti fragili anche in ospedale a Pescara

La Asl fa sapere come la somministrazione delle dosi per queste categorie avvenga anche nel presidio ospedaliero

La somministrazione delle dosi di vaccino anti Covid-19 ai pazienti fragili viene fatta anche nell'ospedale di Pescara.
A ricordarlo è la Asl: oltre alle attività di vaccinazione della categoria dei pazienti fragili nelle consuete sedi vaccinali, dal 7 aprile, vengono eseguite vaccinazioni anti Covid-19 anche nella struttura ospedaliera.

Nel Day Hospital della Uoc (unità operativa complessa) Malattie Infettive, diretta da Giustino Parruti, vengono eseguite le sedute di vaccinazione riservate ai pazienti immunodepressi.

Le sedute vaccinali si tengono nel pomeriggio, dalle ore 14:30 alle ore 18 circa, dal lunedì al venerdì, per 24 pazienti al giorno in media. La platea stimata da vaccinare è di circa 450 persone e il vaccino utilizzato è il Pfizer-Biontech. Nel dipartimento di Onco-Ematologia, Diretto da Patrizia Accorsi, in collaborazione con il direttore facente funzioni Uoc Oncologia Dimitri Luisi, e con le coordinatrici Gabriella D’Agostino e Margherita D’Agostino, e la psiconcologa Annarita Di Silvestre, vengono eseguite le vaccinazioni per:

  • pazienti onco-ematologici già in trattamento chemioterapico o immunoterapico presso la struttura;
  • pazienti onco-ematologici di nuova diagnosi che accedono per la prima volta in oncologia e saranno sottoposti a trattamenti chemioterapici e immunoterapici;
  • caregiver dei pazienti onco-ematologici pediatrici.

Le vaccinazioni si effettuano 3 giorni la settimana. Il personale interessato risulta formato da un oncologo, 2 ematologi, 3 infermieri, 2 volontari del Servizio Civile, che curano l’accoglienza, l’accettazione e la logistica. Sono previste circa 270 vaccinazioni settimanali. La vaccinazione, eseguita direttamente dal personale del dipartimento, consente una perfetta tempistica rispetto alle terapie oncologiche. I pazienti onco-ematologici, inoltre, possono usufruire di un servizio senza ricorrere all’iter delle prenotazioni e i relativi disagi dovuti agli spostamenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Pescarese semina il caos a "La Zanzara" di Radio 24: "Non farò il vaccino e sono pronto a difendere la mia libertà anche con le armi"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento