Giovedì, 21 Ottobre 2021
Attualità

L'allarme dell'Unsic sulle scuole: "Abruzzo e Molise campanelli d'allarme, la didattica a distanza va estesa in tutta Italia"

Il sindacato datoriale aveva già settimane fa criticato la riapertura delle scuole in presenza soprattutto per gli istituti superiori

Estendere la didattica a distanza, possibilmente al 100%, in tutte le Regioni d'Italia per evitare che accada quanto si sta vedendo in Abruzzo, Tosca e Alto Adige dove le scuole hanno riaperto i battenti prima e la situazione sanitaria è già in peggioramento.

A parlare è il sindacato datoriale Unsic, che interviene in merito alla decisione del presidente Marsilio di passare alla dad al 100% nelle scuole superiori abruzzesi con il sindaco Masci che ha completamente chiuso le scuole a Pescara, e una situazione che si rivela delicata e in peggioramento in diverse regioni come dimostrano i dati:

“Il caso dell’Abruzzo è significativo. Dalla settimana 11-17 gennaio, quella dell’apertura delle scuole, allo scorsa 1-7 febbraio, si è passati da 1.572 a 2.562 contagi. La settimana precedente la riapertura delle scuole i nuovi positivi erano 135 ogni 100mila abitanti, tra il 25 e il 31 gennaio sono saliti a 163. L’Abruzzo è inoltre una delle poche regioni che vede incrementare dall’11 gennaio sia le terapie intensive sia i ricoverati. Perché il governatore Marsilio, ora costretto al dietrofront, ha deciso di riaprire le scuole prima degli altri? - si domanda il sindacato.

MASCI SULLE SCUOLE CHIUSE

In Molise l'unico ospedale Covid regionale, quello di Campobasso, è ormai saturo ed è stata istituita la zona rossa rafforzata in ben 27 comuni.

“Se non si favorisce la Dad, presto emergeranno problemi anche in altre regioni, ad esempio Campania, Lazio e Marche. A Roma l’Asl 1 attesta la crescita costante dei positivi sia tra gli studenti sia tra il personale scolastico. In Campania, in dieci giorni di apertura delle scuole, dal 25 gennaio al 4 febbraio, sono già 2.280 i positivi nel mondo della scuola. Nelle Marche preoccupano le varianti. Sono proprio le varianti, insieme alle scuole aperte, ad alimentare la crescita del numero dei contagiati: se non si mette un freno oggi, già tra qualche giorno potremo assistere al peggioramento della situazione in molte regioni"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'allarme dell'Unsic sulle scuole: "Abruzzo e Molise campanelli d'allarme, la didattica a distanza va estesa in tutta Italia"

IlPescara è in caricamento