rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Attualità

Tiboni (Premi Flaiano) ancora contro l'Emp: "Spunta un pignoramento da 38 mila euro, quale futuro per l'ente?"

La presidente dei Premi internazionali Flaiano torna a criticare e ad attaccare la governance dell'Ente manifestazioni pescaresi, in merito a un presunto pignoramento da 38 mila euro

Nuovo attacco e nuova dura critica da parte della presidente dei Premi Flaiano Carla Tiboni all'Ente manifestazioni pescaresi. Questa volta, la Tiboni fa sapere che sarebbe avvenuto un pignoramento presso terzi per 38 mila euro di debiti riferibili all'Emp:

“Solo il silenzio e’ grande” scriveva il poeta Alfred de Vigny”. È quanto si sarebbe dovuto fare in questi mesi nei confronti della situazione in cui versa l’Emp e che oggi esce fuori con il pignoramento presso terzi subito per 38 mila euro. Nella seduta consiliare del 29 febbraio scorso e’ stata fornita una versione delle condizioni economiche- finanziarie dell’Ente manifestazioni pescaresi, che sembrava da Eldorado della cultura. Perché’ subire un pignoramento significa che le casse sono vuote. Invece ci è stato detto, sempre in consiglio comunale, che c’era un monitoraggio continuo da parte del Comune sull’Emp e che gli uffici “non hanno mai rappresentato criticità gestionali”. Vallo a sapere che dopo un mese esce fuori una criticità talmente tanto pesante da impedire all’Emp di ricevere pagamenti dal Comune.

Quindi cosa accadrà per i finanziamenti per la stagione estiva? Ed ancora: i revisori dei conti sapevano di questo debito? Perché non e’ stato inserito nella relazione letta in consiglio comunale? Perché si e’ impedito ai nuovi soci - con la scusa di un riordino del sistema museale che è a mala pena nella fase delle riunioni - di entrare nell’EMP, definendo tale richiesta “inopportuna”? I soldi delle quote avrebbe fatto comodo oggi. Eccome. Oppure si preferisce affidarsi ad un ricco benefattore che sembrerebbe donare soldi di tanto in tanto, per ripianare le quote non pagate negli ultimi due anni dall’associazione Amici dell’Ente, che da socio moroso perché ancora lo è non avendo versato le pregresse annualità pari a 30.000 euro (secondo i bilanci che sono pubblici), ha continuato in questi anni a partecipare ed a votare in sede di assemblea dei soci (l’altro socio e’ il Comune di Pescara rappresentato dal sindaco). Le assemblee dei soci sono quindi nulle?  Oppure lo statuto può essere applicato o meno a seconda delle circostanze? Chiedo ancora una volta l’intervento della procura della Repubblica per fare chiarezza su una situazione a dir poco imbarazzante e grave, considerato che l’Emp amministra denaro proveniente per lo più da finanziamenti pubblici. "

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tiboni (Premi Flaiano) ancora contro l'Emp: "Spunta un pignoramento da 38 mila euro, quale futuro per l'ente?"

IlPescara è in caricamento