rotate-mobile
Attualità

Flaiano "assente" dal video del Giro d'Italia, Tiboni a Masci: "Scuse puerili e su d'Annunzio toni diffamatori"

La presidente dell'associazione culturale replica al sindaco: "Un aforisma non salva il Comune dalle sue responsabilità" e sul Vate "dimenticato" aggiunge, "Edoardo Tiboni fondo’ 40 anni fa il Centro nazionale di studi dannunziani, si informi"

Giustificazioni “puerili e scarsamente credibili”. E' un vero botta e risposta quello tra il sindaco Carlo Masci e la presidente dell'associazione culturale Ennio Flaiano Carla Tiboni sull'assenza dell'eclettico intellettuale pescarese dal video di promozione del Giro d'Italia. Ed è lei a replicare al primo cittadino dopo che questi ha parlato di “polemica basata sul nulla, anzi su una cosa non vera” dando come motivazione il fatto che uno dei più famosi aforismi di Flaiano è citato nel video oggetto dello scontro. “Il sindaco – risponde Tiboni - sa bene che il video del Giro non contiene alcuna immagine di Flaiano ed avere inserito un suo noto aforisma, non salva il Comune dalle proprie responsabilità, di avere trascurato Flaiano. Quanti sanno che quell’aforisma è di Flaiano? Può una frase compensare l’assenza?”, chiosa.

La presidente dell'associazione non ha tra l'altro gradito affatto il passaggio in cui Masci afferma: “il rammarico è che nella nostra città, per motivi ideologici, c'è chi ha provato a cancellare d'Annunzio, il figlio più grande di Pescara, ma quelli che oggi strillano per una cosa inesistente, allora non parlarono affatto”. “Per quanto riguarda d'Annunzio – risponde Tiboni - e la responsabilità che il sindaco mi attribuisce perché strillo e non ho fatto nulla per evitare che d’Annunzio fosse dimenticato, la dichiarazione assume toni diffamatori, perché Edoardo Tiboni fondo’ 40 anni fa il Centro nazionale di studi dannunziani, l’unica realtà scientifica insieme al Vittoriale degli italiani che ha autorità in fatto di d’Annunzio”. “Alla morte di Edoardo Tiboni sono subentrata io come presidente e poi la professoressa Elena Ledda. Strano che il sindaco non lo ricordi – conclude con una vera e propria sferzata finale -, lo scorso ottobre presso il Mediamuseum ha visitato la mostra su d’Annunzio all’interno dell’ennesimo convegno organizzato dal Centro nazionale di studi dannunziani, che non usa d’Annunzio per scopi politici. Sindaco si informi”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Flaiano "assente" dal video del Giro d'Italia, Tiboni a Masci: "Scuse puerili e su d'Annunzio toni diffamatori"

IlPescara è in caricamento