rotate-mobile
Lunedì, 3 Ottobre 2022
Attualità

Terremoto fra le Marche e l'Abruzzo di magnitudo 4.1: registrate diverse scosse in pochi minuti

La terra è tornata a tremare al confine fra l'Abruzzo e le Marche, con epicentro a Folignano in provincia di Ascoli Piceno

Torna la paura per i terremoti. Una serie di scosse è stata registrata dopo le 12 di oggi 22 settembre fra l'Abruzzo e le Marche, nelle province di Ascoli Piceno e Teramo. La scossa più forte registrata dall'Ingv è di magnitudo 4.1 con epicentro a Folignano nell'Ascolano, alle 12.23 minuti.

La scossa è stata seguita ad un minuto di distanza, alle 12.25, da un altro movimento di magnitudo 3.6. Una terza scossa di minore entità è stata registrata alle 12.27, ed una quarta scossa di magnitudo 2.5 con epicentro a Civitella del Tronto, nel teramano, ha chiuso per ora la serie di scosse più rilevanti. Nessun danno a persone o cose al momento. L'epicentro è stato localizzato nei Comuni di Folignano, Civitella del Tronto e Ascoli Piceno. In tutto sono sette le scosse registrate nell'arco di 20 minuti.

Il Governatore della Regione Abruzzo Marco Marsilio, dopo aver appreso delle scosse che coinvolgono la provincia di Teramo, ha chiamato il prefetto Massimo Zanni e il sindaco di Teramo Gianlugi D'Alberto. La protezione civile regionale, con il direttore Mauro Casinghi, è in contatti con tutti i sindaci del territorio ai confini con le Marche dove sono state avvertite le scosse. La situazione è sotto controllo, mentre le scuole come da protocollo sono state fatte evacuare in via precauzionale.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoto fra le Marche e l'Abruzzo di magnitudo 4.1: registrate diverse scosse in pochi minuti

IlPescara è in caricamento