rotate-mobile
Attualità

Pini tagliati in via Monte Bove, il sindaco: erano pericolosi, scelta obbligata e "le accuse violente feriscono"

Il primo cittadino interviene dopo la polemica sorta nei giorni scorsi e fa sapere che la decisione è stata presa dall'agronomo perché gli alberi rischiavano di cadere e fare enormi danni

Nessun taglio indiscriminato in via Monte Bove, i pini che sono stati abbattuti “erano in procinto di cadere sulla strada con danni incalcolabili” e a stabilire che dovevano essere tagliati è stato l'agronomo. Sulla vicenda che ha visto il sollevarsi di diverse critiche compresa quelle del Conalpa (Coordinamento nazionale alberi e paesaggio) interviene, dopo il vicesindaco Gianni Santilli, il sindaco Carlo Masci.

“Leggo sui social polemiche perché sarebbero stati tagliati dei pini in via Monte Bove, con i soliti commenti violenti e le solite accuse contro l'amministrazione. Ho voluto approfondire la questione, perché non la conoscevo direttamente – scrive il primo cittadino sulla sua pagina facebook -. Un residente mi ha inviato una foto della situazione precedente al taglio, da cui si evince che tutti i pini pendevano in maniera esagerata, costituendo un reale pericolo per l'incolumità delle persone. Il taglio è stato stabilito dall'agronomo perché quel pini erano in procinto di cadere sulla strada, con danni incalcolabili. Quindi una scelta obbligata e di buon senso. Va da sé che saranno ripiantati alberi in numero superiore rispetto a quelli che c'erano. Però – conclude - le accuse violente gratuite feriscono”

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pini tagliati in via Monte Bove, il sindaco: erano pericolosi, scelta obbligata e "le accuse violente feriscono"

IlPescara è in caricamento