rotate-mobile
Attualità

Mille studenti del liceo Marconi in giro per la città come "costruttori della gentilezza"

Non solo didattica, ma esperienza vera e propria il 13 novembre in occasione della giornata mondiale della gentilezza: dalle visite alle case di riposo e ai canili, alla raccolta dei rifiuti in spiaggia e nei parchi, i ragazzi potranno sperimentare in prima persona quanto anche un solo piccolo gesto sia capace di influenzare positivamente la loro vita, quello di un'altra persona e di tutta la comunità

Mille studenti del liceo Marconi lunedì 13 novembre terranno laboratori, puliranno parchi e spiagge, realizzeranno opere d'arte e letterarie ispirate a pensieri gentili, sfileranno per le strade della città con un flash mob “poetico” e visiteranno diverse strutture di Pescara, Spoltore e Montesilvano e cioè la casa di riposo La Pineta, la scuola dell'infanzia di Villa Raspa, la Caritas, la comunità di Sant'Egidio, il Dog Village e la Lega del Cane.

Tutto questo per celebrare la giornata mondiale della gentilezza, ma farne ben più di una giornata da segnare sul calendario trasformandola nell'occasione per capire quanto anche solo un piccolo gesto gentile, sia importante per la propria vita e per la vita degli altri. Un giorno da “costruttori della gentilezza”. Una giornata, insomma, all'insegna della consapevolezza sull'importanza di temi come il rispetto, l’ambiente, la pace e i diritti umani.

“I fatti tragici di Palermo e di Caivano avvenuti pochi mesi fa – scrive l'istituto in una nota ricordando i due terribili stupri avvenuti e che hanno visto protagonisti diversi minori e comunque dei giovanissimi - interrogano profondamente la società e, soprattutto, gli educatori, su quello che si può fare per prevenire episodi di questo tipo e sulle proprie mancanze. Gli adulti appaiono sempre più smarriti e senza strumenti di fronte a una profonda e rapida mutazione antropologica che rischia di consegnare al futuro generazioni di giovani privi di compassione, empatia, curiosità, emozioni profonde e costruttive”.

“La scuola è il luogo in cui i cittadini del domani si formano e imparano l’abc delle relazioni con gli altri e con il mondo che li circonda, imparano a esercitare l’empatia, la capacità di mettersi nei panni degli altri. Il liceo G. Marconi presieduto dalla dirigente scolastica Giovanna Ferrante, scende in campo quest’anno per la prima volta nella giornata mondiale della gentilezza per promuovere la gentilezza fra i ragazzi, una delle soft skills di cui tanto di discute tra gli esperti di didattica e di psicologia”.

Tutti, sottolinea l'istituto, possono diventare “costruttori di gentilezza”: insegnanti, personale Ata e alunni e farlo promuovendo pratiche che puntano al raggiungimento del bene comune. Cose possibili nell'attività didattica, ma anche attraverso l'esperienza: proprio quella che il 13 novembre avranno modo di vivere fuori dalle mura scolastiche.

A sostenere l'iniziativa della raccolta dei rifiuti sono l'assessorato comunale alle Politiche ambientali, Ambiente e Wwf con i docenti che, per l'occasione, cercheranno di riportare al centro del discorso educativo il rapporto con la gentilezza e l’armonia della convivenza tra umanità e natura. “La scuola torni a essere gentile”, questo il monito che si intende lanciare.


 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mille studenti del liceo Marconi in giro per la città come "costruttori della gentilezza"

IlPescara è in caricamento