menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Strage di partigiani a Colle Pineta: cerimonia ed iniziative a 75 anni dall'eccidio

La cerimonia come di consueto si è tenuta nei pressi del Cippo davanti alla scuola di via Colle Pineta dell'Istituto Comprensivo 7. Quest'anno ricorreva il 75esimo anniversario

Cerimonia solenne questa mattina davanti al cippo di Colle Pineta, dove l'11 febbraio 1944 nove giovani partigiani pescaresi che combattevano contro i nazifascisti furono fucilati nel cortile della scuola dell'Istituto Comprensivo 7 che porta il nome proprio di quella tragica data.

Presenti gli alunni, i familiari delle vittime, il Sindaco Marco Alessandrini, il presidente del Consiglio Comunale Francesco Pagnanelli, il vicesindaco Antonio Blasioli, i appresentanti dell’Amministrazione Comunale di Chieti,il vice Prefetto dott. Torlontano e le diverse autorità locali e scolastiche, oltre che dell’ANPI nazionale, regionale e provinciale e don Marco Pagniello.

Quest'anno ricorreva il 75esimo anniversario della strage, e l'Istituto Scolastico ha avviato un progetto pluriennale di educazione alla legalità, convivenza civile, diritti e pace. Gli alunni delle classi quinte, seguiti dalla docente Giulia Martella esperta di didattica musicale, hanno lavorato sul tema della Libertà. Mentre i bambini che prenderanno da loro il testimone hanno consegnato al sindaco la richiesta ufficiale di intitolare ai caduti di Colle Pineta uno spazio cittadino antistante la scuola.

Il sindaco Alessandrini:

“Costruire memoria aiuta a salvare il mondo ci rende cittadini e adulti migliori e ogni anno questa lezione si ripete in questa scuola dove vogliamo far nascere un giardino della memoria. Un luogo alimentato dal ricordo di chi ha perso la vita poco più che adolescente per darci libertà, ma custodito dai giovani di oggi per i loro figli e per la città di domani che non può fare a meno della memoria per essere solida e umana”

La scuola ha anche pubblicato un opuscolo dove si raccontavano i tragici fatti accaduti nel 1944 ed un'ipotesi di riqualificazione dell'area del cippo elaborata anche con Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Pescara per la realizzazione di un "Parco e Museo della Memoria"

cippo 2-2-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento