rotate-mobile
Attualità

"Sound waves", l'album strumentale di Francesco Altobelli come antidoto allo stress da pandemia

Il disco, composto da dieci tracce, vuole rappresentare una vera e propria esperienza multisensoriale, all'insegna della tranquillità e della quiete

Francesco Altobelli fa centro ancora una volta. Il cantautore, compositore e produttore discografico pescarese ha pubblicato da alcuni giorni il suo nuovo album solista, "Sound waves", disponibile su tutte le principali piattaforme online come ad esempio Spotify. Ebbene, questo lavoro, oltre a essere un valido prodotto di musica strumentale adatta al relax e all'introspezione, sta anche riscuotendo successo, scalando le principali classifiche: nella chart di iTunes "Top album – all categories" è infatti 13°, mentre sempre su iTunes si è piazzato addirittura al primo posto nella categoria elettronica. Per quanto riguarda la classifica Amazon, invece, "Sound waves" è al secondo posto in quella elettronica e al 41° in quella generale.

L’album, che arriva ad alcuni anni di distanza dal precedente "Con la musica tra i denti", è uscito il 5 gennaio, giorno del 42° compleanno dell'artista, che spiega: «Il numero 5 rappresenta il quinto elemento, l’etere, il pentagramma, il cambiamento, l’esplorazione e l’avventura verso nuove mete. L’ascolto di "Sound waves" è utilissimo per aumentare la concentrazione durante il lavoro, lo studio, durante una sessione di meditazione, yoga, cardio fitness oppure può aiutare a migliorare il sonno, depura e ricarica la tua energia. Chiudi gli occhi, respira, rilassati… E che l’esperienza abbia inizio». Effettivamente il disco, composto da dieci tracce, vuole rappresentare una vera e propria esperienza multisensoriale, all'insegna della tranquillità e della quiete. Un'esigenza oggi sempre più marcata, dato il periodo travagliato che stiamo vivendo da ormai due anni a causa della pandemia.

La tracklist di "Sound waves" è formata da "In your hands", "Rebirth", "Meditation", "Pixels", "High beautiful", "Voices", "Meditation", "Mudra", "Chills" e "Transitions". Francesco Altobelli ha iniziato la sua carriera nel 1996, arrivando a scrivere come autore per Sugarfree, Paolo Belli e Viola Valentino. All'attività di musicista affianca, dal 2007, la professione di odontoiatra. È inoltre titolare dell'etichetta "Ondesonore Records", con sede a Montesilvano, che più volte in questi anni ha portato i cantanti della propria scuderia alle fasi finali delle selezioni di Sanremo Giovani.

Nel 2019 ha scritto e prodotto "Non ci ferma nessuno", colonna sonora dell'omonimo tour motivazionale di Luca Abete, inviato di 'Striscia la notizia' al quale lo lega un'amicizia ventennale, iniziata molto prima della collaborazione di Abete con il tg satirico di Canale 5. Nel 2020, infine, ha preso parte alla canzone "Andrà tutto bene", frutto di un'iniziativa benefica promossa dal cantautore Davide De Marinis durante il periodo del lockdown.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sound waves", l'album strumentale di Francesco Altobelli come antidoto allo stress da pandemia

IlPescara è in caricamento