L'allarme del sindacato Unsic: "In Italia il contagio nelle scuole è arrivato al 15% del totale dei casi"

Il sindacato datoriale ha rielaborato i dati del ministero relativi ai contagi in Italia da covid ad un mese dalla riapertura degli istituti scolastici in tutte le Regioni

I contagi nelle scuole salgono in modo preoccupante, tanto da arrivare al 15% circa del totale nel periodo dal 14 settembre al 10 ottobre. L'allarme è stato lanciato dal sindacato datoriale Unsic, che ha rielaborato i dati ministeriali, con le scuole che sono state aperte ormai in tutta Italia dal 14 al 28 settembre con Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania e Puglia fra le ultime regioni tornate sui banchi.

Secondo stime attendibili, evidenzia il sindacato, oltre 10 mila studenti contagiati dal virus con almeno 160 mila studenti finiti in quarantena a livello nazionale, oltre alle assenze cautelative di intere classi per casi indiretti e le quarantene che interessano anche i docenti, con chiusure forzate per sanificazioni che rendono il quadro critico e complesso.

L’impennata nazionale dei contagi ovviamente avrà riflessi sempre più rilevanti anche nelle aule scolastiche, rendendo ancora più critica la situazione. Molti genitori, anche quelli inizialmente scettici, richiedono la didattica a distanza, anche per prevenire i contagi intrafamiliari, prima modalità di diffusione del virus. In particolare si teme che i nipoti possano infettare i nonni o le persone fragili. Finora la chiusura delle scuole è stata disposta solo in Campania, mentre in Umbria la didattica a distanza giornaliera è prevista per il 50% degli studenti delle scuole superiori fino al 14 novembre.

Secondo Domenico Mamone, presidente Unsic, gli sforzi e le risorse dovevano essere concentrati sulle nuove tecnologie e formazioni informatica dei docenti per potenziare la Dad per quest'anno scolastico, anzichè acquistare banchetti per centinaia di migliaia di euro

“La didattica a distanza ovviamente è cosa diversa dalla scuola in presenza, ma siamo immersi in un’emergenza che richiede soluzioni pragmatiche e non ideologiche, almeno per le scuole superiori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esplosione e forte boato al confine fra Pescara e Montesilvano: sul posto i vigili del fuoco

  • "Il caffè è compagnia, così non si può lavorare": bar di Montesilvano preferisce chiudere

  • Uomo ritrovato morto nella sua stanza dal padre anziano, tragedia in viale Bovio

  • Addio a Guido Filippone, Cepagatti piange il suo "Barone"

  • Covid, dal 29 novembre cambiano i colori delle Regioni: l'Abruzzo resterà zona rossa almeno fino al 3 dicembre

  • Pesca illegale lungo il fiume Pescara di cefali, anguille e capitoni: controlli e sanzioni della guardia civile ambientale [FOTO]

Torna su
IlPescara è in caricamento