Attualità

I sindacati contrari alla riapertura delle scuole dal 15 marzo: "Manca la sicurezza"

Le organizzazioni sindacali: "Dal tavolo regionale ancora troppi dubbi per una ripresa in presenza e in sicurezza delle lezioni in Abruzzo"

I sindacati abruzzesi chiedono chiarezza riguardo ai vaccini somministrati al personale scolastico e ritengono avventanto ripartire con la didattica in presenza da lunedì 15 marzo.
«Mancano i dati sui contagi e il piano vaccinale procede senza criteri», scrivono Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola Rua, Snals Confsal, Fgu Gilda.

Secondo le sigle sindacali, «la riunione del “Tavolo regionale per l’avvio dell’anno scolastico 2020/2021”, convocata dalla direttrice dell’Usr Abruzzo su richiesta dei sindacati, inviata l'1 marzo, ha confermato le perplessita? dei lavoratori della scuola abruzzese. Avevamo chiesto di avere un quadro chiaro, corredato di dati sui contagi e della relazione del comitato tecnico scientifico regionale che ha portato alla sospensione delle attivita? didattiche in Abruzzo in tutte le scuole (a esclusione di quella dell’infanzia) e di conoscere lo stato e le modalita? organizzative (priorita?, calendari, numero e composizione del personale interessato) della campagna di vaccinazione del personale scolastico in tutta la regione».

«Spiace rilevare pero? come la Regione ancora una volta non ci abbia fornito nessuna risposta concreta», si legge in una nota, «non sono stati forniti i dati dei contagi nelle scuole, nonostante un invito scritto rivolto ai responsabili dei dipartimenti di prevenzione delle Asl dall’assessorato alla Sanita? della Regione Abruzzo - Servizio Prevenzione Sanitaria e Medicina Territoriale in data 11 febbraio di fornirli direttamente alle organizzazioni sindacali. Sulle vaccinazioni non si segue l’ordine cronologico delle manifestazioni di interesse e non esiste un qualunque ordine di priorita? (per istituzione scolastica, per eta?, per categorie di personale, in ordine alfabetico, ecc.)».

Le organizzazioni sindacali avevano chiesto di procedere dando priorita? ai lavoratori della scuola più esposti al rischio di contagio ovvero agli insegnanti di scuola dell’infanzia, agli insegnanti di sostegno, i “fragili” e cosi? man mano per tutti coloro che sono costretti all’attivita? in presenza e senza o con scarse precauzioni possibili, vista la necessita? per l’attivita? didattico-educativa di non poter rispettare le normali prescrizioni(distanziamento, mascherine, ecc.) in alcuni casi. «Nel momento in cui sono stati citati dati incoraggianti, come il raggiungimento del 60% nella campagna vaccinale per la scuola e la previsione di conclusione entro domenica salvo piccole residualita?, immediatamente dopo si fornivano dati incongruenti come la capacita? giornaliera di vaccinazioni per la scuola. Se ad oggi si e? raggiunto il 60%, la capacita? giornaliera e? di circa mille vaccinazioni giornaliere in regione e si dovrebbe concludere domenica, ma con questi dati per il 14 marzo saremmo in realta? a circa la meta? del personale scolastico abruzzese».

Allo stato attuale, i sindacati hanno manifestato «serie perplessita? sulla possibilita? di riaprire tutte le scuole in sicurezza a partire da lunedi? 15, e di mantenere aperte le scuole dell’infanzia. Sarebbe necessario completare effettivamente la campagna vaccinale per tutto il personale scolastico, fare i dovuti screening sugli studenti, rinforzare i tracciamenti, prevedere presidi sanitari e tamponi rapidi nelle scuole, dotare il personale di Dpi adeguati (mascherine Ffp2), di conseguenza riaprire gli istituti con una maggiore sicurezza. Inoltre, considerato il contesto epidemiologico, occorrerebbe limitare al massimo la presenza dei docenti nelle scuole, in particolar modo per quelli che lavorano in Dad e di evitare gli spostamenti degli studenti che provengono da zone “rosse” o con alto numero di contagi».

Così concludono le organizzazioni sindacali: «A nostro, avviso, lo ribadiamo, nel contesto attuale, mancano in tutta la regione e per tutti i gradi d’istruzione (compresa la scuola dell’Infanzia) presupposti per poter lavorare e studiare in sicurezza. Riaprire tutto in maniera affrettata, senza aver risolto le criticita? evidenziate, rischia di far precipitare nuovamente la situazione e dover poi richiudere, in un meccanismo che non giova a nessuno: studenti, lavoratori e famiglie».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I sindacati contrari alla riapertura delle scuole dal 15 marzo: "Manca la sicurezza"

IlPescara è in caricamento