rotate-mobile
Attualità

Dalla polizia ferroviaria alcuni buoni consigli per viaggiare in sicurezza: non diamo nulla per scontato

Una brochure con tutte le norme di buon senso e non solo, da rispettare: anche ciò che sembra scontato non lo è e troppo spesso la distrazione porta a situazioni rischiose con, a volte, conseguenze drammatiche

Regole semplici che, a pronunciarle quasi fanno sorridere per quanto sembrano scordate. Eppure nelle stazioni ferroviarie gli incidenti, anche gravi, capitano quando non ci si muove correttamente. Ecco perché anche la polizia ferroviaria di Pescara sta distribuendo nelle stazioni della città, quella di Montesilvano, quella di Francavilla al Mare, Chieti e Sulmona, la brochure “Alcuni consigli per viaggiare in sicurezza” realizzata dal compartimento Polfer di Ancona da cui dipende anche quella pescarese. “Il treno è il mezzo di trasporto più sicuro – sottolinea la nota diffusa -, ma talvolta disattenzioni e imprudenze possono creare situazioni di pericolo per te e per gli altri viaggiatori. Segui alcune semplici cautele e potrai goderti il viaggio nella massima tranquillità”.

A chiunque si rechi in stazione si ricorda quindi di non oltrepassare la linea gialla perché rispettare la distanza di sicurezza può diventare pericoloso quando passa un treno, così come è meglio ricordarlo che attraversare i binari è vietato e rischiosissimo visto che i treni in transito non si sentono arrivare. Altro buon consiglio è quello di non tentare di salire al volo tentando magari di aprire le porte quando il treno è ancora in movimento: sono bloccate e se sopra non si può salire, finire sotto le rotaie può accadere. Sconsigliatissimo salire e scendere dal treno al di fuori dei marciapiedi perché la distanza del gradino da terra diventa proibitivo ed è bene ricordare che camminare lungo i binari non solo è sanzionabile, ma anche rischioso. Evitare di scendere nelle soste impreviste è un altro buon consiglio da seguire. Per scendere, quindi, bisogna aspettare di essere completamente fermi in stazione. In caso di passaggi a livello non basta guardare a destra e sinistra per sentirsi sicuri nell'attraversare: se le sbarre sono giù vuol dire che il treno sta arrivando, passare potrebbe decisamente costarvi caro. Quando si scende è bene farlo alla parte giusta cioè dove c'è il marciapiede e mentre si è a bordo è buona norma ascoltare i messaggio dell'altoparlante, mentre per chi è a terra tenere d'occhio i tabelloni così che i primi siano pronti al momento della discesa e i secondi anche evitando di affollare inutilmente i binari quando di tempo ne manca molto. Regola di civiltà è poi quella di non gettare i rifiuti dai finestrini anche per ragioni di sicurezza in realtà perché magari potremmo colpire chi attende sul marciapiede e vista la velocità del mezzo, anche fargli male. Infine è altra norma di buon senso il non sporgersi dai finestrini quando il treno è in corsa: ci sono tralicci, pareti delle gallerie, ma anche alberi che possono mettervi a rischio.

Insomma, come si legge nella brochure “un viaggio sicuro parte da te” ed è per questo che sono stati anche riportati sull'opuscolo numeri utili delle sale operative della polizia ferroviaria da poter contattare per segnalare situazioni anomale o comportamenti imprudenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla polizia ferroviaria alcuni buoni consigli per viaggiare in sicurezza: non diamo nulla per scontato

IlPescara è in caricamento