rotate-mobile
Giovedì, 30 Maggio 2024
Attualità

Progetti innovativi grazie a 120 studenti "adottati" dalle imprese: consegnati i riconoscimenti ai ragazzi

Due le scuole di Pescara coinvolte nel progetto regionale Adoptit che ha visto l'adesione di importanti aziende del territorio e per alcuni degli alunni iniziano anche percorsi di stage: un successo il progetto europeo conclusosi con la consegna delle targhe all'Aurum

Progetti innovativi grazie agli studenti “adottati” dalle imprese. Si è concluso con successo il progetto europeo “AdoptId” che ha coinvolto 120 studenti abruzzesi tra cui quelli della classe 4 C del liceo classico di Pescara e le classi 4Al e 2Al del liceo scientifico-scienze applicate dell'istituto Vola della città impegnate rispettivamente nella Sfida proposta da Angelini Technologies-Fameccanica e quella della Xera sugli “Scarti tecnologici: ricostruire il futuro con materie prime rigenerate”.

Si tratta di un progetto finanziato dal programma Erasmus che ha portato in Italia il format di collaborazione scuole-imprese già sviluppato e realizzato dalla fondazione AdoptIDee nei Paesi Bassi e ora realizzato nella nostra regione da un consorzio europeo comprendente la Fondazione AdoptIDee dei Paesi Bassi, la società Idp European Consultants di Pescara e l’incubatore Innovalley di Atessa.

“Il progetto - spiegano i promotori - si è snodato attraverso un percorso di conoscenza scuola-impresa, con visite alle aziende, incontri e lavori di gruppo tra gli studenti. Oltre al valore formativo di questa esperienza, è degno di nota il fatto che alcune aziende si ispireranno alle soluzioni proposte dai ragazzi per lo sviluppo di nuovi servizi e prodotti”.

“Per alcuni studenti – sottolineano - sono già arrivate delle proposte di stage dalle aziende protagoniste del progetto, contrassegnato dalla concretezza. L’obiettivo di questa iniziativa è di aumentare le 'soft skill' dei giovani partecipanti, che collaborano in gruppo alla soluzione delle

sfide proposte dalle imprese del territorio, elaborando idee innovative. Si mira così a completare le competenze di carattere tecnico e teorico degli studenti, soprattutto in vista della loro occupabilità in un mondo in continua evoluzione”.

La versione italiana del progetto è stata avviata nel mese di ottobre 2023 e ha visto la partecipazione di importanti aziende abruzzesi. Ognuna ha “adottato” una scuola proponendo sfide sull'economica circolare e l'innovazione. Ai ragazzi sono quindi state consegnate le targhe nel corso della giornata conclusiva aperta dal sindaco Carlo Masci e cui hanno partecipato il consigliere comunale delegato alle Politiche europee Salvatore Di Pino e Fabio Petricca di Abruzzo Europa.

Oltre a Angelini Technologies-Fameccanica e Digitalsoft di Pescara, al progetto hanno preso parte lo stabilimento di Atessa della Stellantis e la Xera di Città Sant'Angelo.

Per quanto riguarda le scuole e le classi coinvolte oltre a quelle di Pescara ad accettare la sfida della Digitalsoft sono state le classi 4A, 4D, 5B, 5C e 5D dell'istituto Savoia di Chieti (Strumento per smontaggio sostenibile: ottimizzazione della distinta base per il riciclo elettronico), e i ragazzi della 5A, 5B e 5F dell'Itsef Palizzi di Vasto con la sfida della Stellantis “Economia circolare, realtà aumentata, energia, motivazione, creatività”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Progetti innovativi grazie a 120 studenti "adottati" dalle imprese: consegnati i riconoscimenti ai ragazzi

IlPescara è in caricamento